Mercoledì 19 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/08/2019

L'incidente lo aveva segnato, non regge al dolore: muore lanciandosi dall'ospedale

Tragedia a Torrette: 24enne si getta nel vuoto da 12 metri. Era ricoverato in Ortopedia, aveva perso una gamba in un terribile schianto

Era un ragazzo timido, fragile. E, secondo gli inquirenti, soffriva da tempo di una forma di depressione che si era comprensibilmente aggravata dopo il terribile incidente stradale in cui era rimasto coinvolto nella notte di Ferragosto, a poca distanza dalla sua abitazione di Montecalvo in Foglia, nell’alto Pesarese, al confine con la Romagna. Un’auto l’aveva centrato in pieno mentre viaggiava in sella alla sua adorata moto da cross. Nell’impatto aveva riportato ferite gravissime, tali da convincere l’équipe medica del pronto soccorso ad amputargli una gamba. Un colpo durissimo per un ragazzo di soli 23 anni. Qualcosa di inaccettabile, insostenibile e doloroso, come la lunga riabilitazione. La sofferenza fisica si è sommata a quella morale: ha scavato profondamente nelle pieghe della sua fragile personalità, ha aperto squarci di buio nella sua mente. E l’ha spinto a farla finita, a due settimane da un incidente che gli avrebbe stravolto completamente una vita che, forse, credeva di non essere più in grado di affrontare.

Così, ha aspettato che la madre si allontanasse un attimo per lasciare il reparto di Ortopedia in cui era ricoverato. Ha percorso il corridoio, è uscito in terrazzo e con lucida determinazione si è lanciato nel vuoto. Un volo di una dozzina di metri, dal quarto piano dell’ospedale regionale di Torrette, che non gli ha dato scampo. I passanti l’hanno trovato a terra, nel cortile interno, agonizzante. Hanno dato l’allarme, ma il 24enne è morto praticamente sul colpo perché il personale medico non ha potuto far nulla, benché sia arrivato immediatamente in sala emergenza. La polizia, intervenuta sul posto con le Volanti e la Scientifica, ha subito escluso ogni ipotesi diversa da quella del gesto volontario. E infatti la salma è stata già restituita ai familiari per l’organizzazione dei funerali.

da anconatoday.it


Anche in questo caso siamo di fronte ad una vittima indiretta di un incidente stradale, ma non entrerà mai nelle statistiche Istat. (ASAPS)

Venerdì, 30 Agosto 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK