Venerdì 15 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 25/08/2004

Aggressioni agli uomini e donne in divisa, giornata campale: si moltiplicano in tutta Italia gli episodi di violenza. Il bollettino giornaliero raccolto dall’Asaps

Aggressioni agli uomini e donne in divisa, giornata campale: si moltiplicano in tutta Italia gli episodi di violenza. Il bollettino giornaliero raccolto dall’Asaps

(ASAPS) Italia, fine agosto di ordinaria follia stradale. La conta comincia a Viterbo, dove un 35enne ubriaco ha aggredito due agenti della Polizia di Stato in servizio di volante, che lo hanno poi arrestato. La pantera era intervenuta per sedare una lite in pieno centro cittadino, ma l’ubriaco, alla vista dei poliziotti, è salito sulla sua auto e si è dato alla fuga. È stato bloccato dopo poche centinaia di metri, ma i due agenti hanno dovuto faticare non poco prima di catturarlo. Il viterbese ha infatti risposto con calci e pugni agli inviti di mostrare i documenti. A Ravenna invece, una pattuglia della Polizia Municipale ha soccorso un automobilista finito fuori strada. Quando i vigili gli hanno però chiesto i documenti, il 37enne rumeno è passato alle vie di fatto, ed ha sferrato un primo cazzotto in pieno viso all’agente della Municipale. Sono arrivati i rinforzi, ma solo le manette hanno messo fine alla fiera, con un bilancio di tre feriti tra le divise. Processato per direttissima, il rumeno è stato condannato a tre mesi e 10 giorni di reclusione, pena sospesa, per oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale e uso di atto falso relativo all’auto. All’uomo è stata sospesa per due mesi la patente per guida in stato di ebbrezza. Ad Amalfi sono stati invece i Carabinieri a subire gli effetti di una reazione violenta. Qui un 30enne di Paiano è finito in una cella del carcere di Fuorni, con ai polsi le manette scattate per lesioni personali, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, oltre che per detenzione di armi da taglio. L’uomo stava percorrendo la Statale amalfitana, quando è stato fermato dai militari per un controllo. Evidentemente, però, la paletta lo ha innervosito, tanto che alla prima richiesta di documenti ha risposto con preoccupanti segni di insofferenza. I Carabinieri, hanno chiesto rinforzi alla centrale operativa, che ha disposto l’ausilio di una seconda unità operativa. L’uomo – nonostante la schiacciante superiorità numerica – ha però reagito, costringendo le forze dell’ordine ad arrestarlo. Nella perquisizione successiva sono state trovate alcune pasticche di ecstasy, un coltello a serramanico di 20 centimetri, un coltello da cucina modificato con punta a stiletto e un piede di porco con manico. Il teatro delle aggressioni si trasferisce dunque a Jesolo, dove è in atto da settimane un’intensa azione di contrasto della Polizia Municipale al commercio abusivo ed al traffico di merci contraffatte. Nel solo ultimo fine settimana – infatti – sono stati stilati 49 verbali per commercio abusivo con provvedimenti di sequestro, 8 verbali per esercizio abusivo di mestieri girovaghi e 1 per esercizio abusivo dell’attività di estetista. Proprio nel corso di questa attività, domenica pomeriggio, alcuni agenti dsono stati malmenati da un venditore extracomunitario, che aveva tentato di fuggire quando ha visto sopraggiungere i caschi bianchi. Raggiunto e bloccato da un vigile, il vucumprà ha reagito prendendolo per il collo come per strozzarlo. Quando i rinforzi sono arrivati il giovane clandestino è stato arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, possesso e detenzione di oggetti con marchio di fabbricazione contraffatto e ricettazione. Un fatto analogo era accaduto anche sabato notte, quando agenti della Polizia Municipale in borghese, avevano bloccato un extracomunitario che stava vendendo orologi tarocchi. Nel frangente sono volati schiaffi e ingiurie, facendo nuovamente scattare l’arresto. Dalla violenza non si salvano nemmeno gli uomini della Polizia Stradale: quelli di Crema, domenica notte, hanno inseguito un senegalese che non si era fermato all’alt e che aveva addirittura tentato di investire il poliziotto che gli aveva messo davanti la paletta. Il controllo era scaturito da un accertamento con l’autovelox: l’extracomunitario era abbondantemente sopra il limite e l’agente gli ha imposto l’alt per ritirargli la patente. L’africano però lo ha puntato con l’auto, costringendolo a buttarsi a terra per schivare l’impatto. C’è voluto un lungo inseguimento per bloccarlo, ed alla fine il responso è stato emesso dall’etilometro, che ha fatto scattare una decurtazione per 46 punti. Infine andiamo a Forlì, dove un 21enne è stato arrestato dalla Polizia per aver preso a bastonate un agente fuori dello stadio “Manuzzi” prima della partita di calcio Cesena-Arezzo. L’agente è stato ricoverato in ospedale, mentre al giovane forlimpopolese è stata negata dal giudice la direttissima, in relazione alla gravità del reato commesso. Deciderà, la prossima settimana, il Giudice per le indagini preliminari. (ASAPS).

Mercoledì, 25 Agosto 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK