Sabato 20 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 12/07/2019

141 denunce per frode nella formazione autotrasporto
da TrasportoEuropa.it

Un'indagine della Guardia di Finanza di Pavia ha scoperto una truffa da sei milioni di euro attuata dichiarando costi più alti di quelli realmente sostenuti. Al centro della frode un consorzio e oltre centro cooperative di trasporto

L'inchiesta è iniziata a Voghera, in provincia di Pavia, dove la locale Compagnia della Guardia di Finanza ha compiuto un'ispezione in una cooperativa di autotrasporto, scoprendo delle irregolarità nella richiesta dei rimborsi per i corsi di formazione professionali degli autisti. Poi l'indagine è proseguita sull'intero territorio nazionale, assumendo il nome di operazione Gordio, e l'11 luglio 2019 la Finanza ha comunicato che nella frode sarebbero coinvolte ben 125 società, con 141 persone denunciate per truffa aggravata ai danni dello Stato.
Secondo gli inquirenti, la frode sarebbe partita nel 2014 da un consorzio con sede nella provincia di Roma, che ha svolto il ruolo d'intermediario nel richiede i contributi per la formazione professionale degli autisti tra il ministero dei Trasporti e le cooperative di trasporto. La Finanza avrebbe scoperto che gli importi chiesti al ministero erano superiori ai costi effettivamente sostenuti. Ciò sarebbe avvenuto ricevendo dalle cooperative fatture gonfiate, che poi erano usate come documentazione per il contributo, mentre dopo avere ottenuto i soldi il consorzio riceveva dalle coop una nota di credito sulla differenza tra il costo reale e quello dichiarato, che ovviamente era tenuta nascosta al ministero. Il danno per il ministero ammonterebbe a sei milioni di euro e per recuperare tale somma i Tribunali di Pavia, Milano, Alessandria, Genova, Cuneo e Treviso hanno disposto il sequestro di oltre 2,5 milioni di euro. Inoltre, novantanove persone sono state denunciate alla Corte dei Conti. 

da TrasportoEuropa.it

Venerdì, 12 Luglio 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK