Lunedì 25 Marzo 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 14/03/2019

Roma, sventa la truffa dello specchietto: lo fanno scendere dall'auto e lo picchiano a sangue

Tentano la truffa dello specchietto, ma l'automobilista non ci casca, prende il numero di targa e consente ai carabinieri di individuare e denunciare i malviventi. È successo di nuovo a Roma e questa volta nel parcheggio del Warner Village. Sabato sera un ragazzo di Pomezia, 20 anni, decide di andare al cinema con la sorella appena maggiorenne. Arrivano al Parco de' Medici e cercano un posto per lasciare la macchina. Stanno aspettando che un'auto esca dal parcheggio, quando si affianca una vettura con a bordo due uomini e una donna. I tre fanno cenno al ragazzo di scendere, ma lui rifiuta. Urlano, inveiscono, lo insultano e infine lo accusano di aver urtato e rotto lo specchietto della loro auto. Il ragazzo però non ci casca, nega di aver fatto danni e anzi li avvisa: «Chiamo i carabinieri».

I truffatori escono dall'auto, si scaraventano contro il giovane e lo trascinano fuori dalla vettura, prendendolo a schiaffi e tirandogli anche un paio di pugni. Poi risalgono in macchina e si allontanano. Nonostante le botte il ventenne riesce a prendere il numero di targa dei malviventi. I fratelli tornano a Pomezia e vanno direttamente al pronto soccorso della Sant'Anna dove al ragazzo vengono medicate le escoriazioni e le contusioni. Il giorno dopo la vittima denuncia l'episodio ai carabinieri di via Roma, fornendo i dettagli dell'auto dei truffatori. Le indagini sono velocissime. I militari li identificano. Sono cugini alla lontana, due romani e uno della provincia di Salerno, tutte vecchie conoscenze. Mostrano le foto al ragazzo che li riconosce subito. Per i malviventi scattano le denunce a piede libero. L'indagine però non si ferma perché gli investigatori stanno verificando se i tre hanno messo a segno altre truffe simili.

I PRECEDENTI
L'ultima truffa simile, ma solo in ordine di tempo, tentata nella Capitale risale a una ventina di giorni fa quando un 29enne è stato arrestato dai carabinieri dopo che in via della Camilluccia aveva tentato di raggirare un anziano automobilista, per un fantomatico danneggiamento alla sua vettura e minacciandolo di ritorsioni se non avesse pagato. Sebbene sia ormai datata, la simulazione dell'incidente e dello specchietto rotto è una delle truffe più usate dagli imbroglioni a Roma e in provincia. Di solito a essere prese di mira sono le persone anziane, oppure quelle molto giovani come il ragazzo di Pomezia e sempre più spesso i turisti stranieri che atterranno a Fiumicino e Ciampino e noleggiano un'auto. Per questo il ministero degli Affari esteri e del Commonwealth del Regno Unito ha messo in guardia i sudditi di sua Maestà diretti in Italia e in particolare a Roma. Tra tutti gli avvertimenti la nota del Dicastero riporta anche la truffa dello specchietto. L'indicazione del Ministero è chiara e informa i britannici che i ladri potrebbero usare un'infinità di metodi per distrarli: fermare l'auto e fingendo un falso incidente, sottrargli alcune centinaia di euro per evitare la denuncia all'assicurazione e chiuderla così da buoni amici. Nel 2018 sono state circa 150 le segnalazioni alle forze dell'ordine e 27 gli arresti dei carabinieri.

 

da ilmessaggero.it


 

Pazzesco, ma si può vedere una roba del genere? Siamo al brigantaggio. (ASAPS)

Giovedì, 14 Marzo 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK