Lunedì 25 Marzo 2019
area riservata
ASAPS.it su

Nettuno, Nicole Maddonni morta in un incidente stradale: il padre condannato a 4 anni

Gabriele Maddonni, 39 anni, è stato condannato a quattro anni e sei mesi dal Tribunale di Velletri, ritenuto responsabile della morte di sua figlia Nicole, deceduta a otto anni durante un incidente stradale in via dei Frati a Nettuno, mentre era a bordo dell’auto del papà. L’uomo dovrà scontare la pena ai domiciliari in attesa di un eventuale processo d’Appello

Il Tribunale di Velletri ha condannato Gabriele Maddonni a scontare una pena di quattro anni e sei mesi, al termine del processo di primo grado con rito abbreviato. Il 39enne è ritenuto responsabile della morte di sua figlia Nicole, deceduta all'età di otto anni a seguito di un terribile incidente avvenuto lo scorso di 11 agosto in via dei Frati, a Nettuno, in provincia di Roma. Gabriele Maddonni è stato arrestato lo scorso 14 agosto con l'accusa di omicidio stradale. La sentenza potrà essere eventualmente impugnata dalla difesa in Appello. Nel frattempo il 39enne dovrà scontare la pena agli arresti domiciliari.

Incidente stradale a Nettuno: Nicole Maddonni muore a otto anni
I tragici fatti risalgono alla scorsa estate, quando intorno alla mezzanotte dell'11 agosto, Gabriele si è ribaltato con l'auto, una Bmw, dopo essersi messo al volante ubriaco e nonostante la patente revocata. L'auto viaggiava lungo via dei Frati: l'uomo ne avrebbe perso il controllo, finendo con la vettura prima contro un palo della luce e poi in un cunetta, che avrebbe fatto cappottare più volte l'auto. Nella macchina c'erano anche le sue due figlie di 8 e 7 anni: la più grande, Nicole, è morta sul colpo, dopo essere stata sbalzata dalla macchina, mentre la sorellina è rimasta gravemente ferita. Il 39enne, contuso, è stato trasportato in ospedale, è poi fuggito ma è stato rintracciato dalla polizia. Il papà delle due sorelline è risultato positivo all'alcol test ed è stato denunciato con le accuse di omicidio stradale, guida senza patente e in stato di ubriachezza: era infatti al volante della sua auto nonostante da nove anni gli fosse stata revocata la licenza di guida.
 

da roma.fanpage.it


I tragici fatti risalgono alla scorsa estate, quando intorno alla mezzanotte dell'11 agosto, IL PADRE si è ribaltato con l'auto, una Bmw, dopo essersi messo al volante ubriaco e nonostante la patente revocata. La perdita della figlia e ora la condanna per Omicidio stradale. (ASAPS)

Giovedì, 07 Marzo 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK