Mercoledì 20 Febbraio 2019
area riservata
ASAPS.it su

Auto contromano: Asaps, 11 morti nel 2017 e aumento nel 2018

Bilancio Osservatorio dopo incidente mortale tangenziale Milano
Foto di repertorio dalla rete

(ANSA) - BOLOGNA, 26 GEN - L'Osservatorio sui contromano dell'Asaps, l'Associazione sostenitori Polstrada, nel 2017 ha registrato 221 episodi, 34 notturni e 187 diurni, 144 su autostrade e superstrade e 77 su strade ordinare. In 62 episodi ci sono stati feriti o morti: in totale sono state 11 le vittime mortali e 114 i feriti, mentre 66 episodi sono stati bloccati in tempo dall'intervento delle forze di polizia. Nel 13,6% dei casi il conducente era ubriaco o drogato, nel 26,7% era un anziano e nel 9,5% uno straniero. Lo ha reso noto l'Associazione dopo l'incidente mortale della scorsa notte sulla tangenziale di Milano. Secondo dati ancora non definitivi del 2018 raccolti dalla stessa Asaps, sono 225 gli episodi registrati, compresi quelli bloccati in tempo dalle forze di polizia. In 63 contromano ci sono state conseguenze per le persone: i morti sono stati 20, i feriti 108. Secondo il calcolo dei primi undici mesi 2018, nel 13% dei casi il conducente che viaggiava contromano è risultato ubriaco o drogato, nel 22,2% era anziano, nel 9,7% straniero. Il sistema di contrasto al fenomeno dei contromano alla luce dei ripetuti episodi, particolarmente gravi nelle strade a doppia carreggiate, "meriterebbe - sottolinea il presidente dell'Asaps, Giordano Biserni - ulteriori e più efficaci sistemi di contrasto per rendere ancora più visibile e allertato l'imbocco contromano di una rampa o uno svincolo o uscita da un'area di servizio. Parliamo della segnaletica verticale e orizzontale, ma non solo. Utili potrebbero essere anche i sistemi di allarme visivo e acustico che scattano nel momento in cui leggono la direzione sbagliata del veicolo". (ANSA).


I preoccupanti dati dell’Osservatorio ASAPS sui contromano rilanciati dall’Ansa.

Martedì, 29 Gennaio 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK