Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/09/2004

Firenze - Operazione della Polizia Stradale contro la criminalità organizzata: manette per 7 componenti di una banda specializzata in truffe e appropriazioni indebite.

Firenze, operazione della Polizia Stradale contro la criminalità organizzata: manette per 7 componenti di una banda specializzata in truffe e appropriazioni indebite.

(ASAPS) FIRENZE – È stata ribattezzata “operazione Rental” e dopo quasi un anno di delicate indagini, gli uomini della Squadra di PG del Compartimento Polizia Stradale di Firenze hanno arrestato tutti i componenti di un gruppo napoletano specializzato in truffe di veicoli industriali. Gli investigatori della specialità fiorentina si sono mossi in stretta collaborazione – per la cattura dei 7 indagati – con il Commissariato PS di Nola, e con la Polizia Stradale di Milano e Brescia, che hanno fornito il proprio prezioso contributo. I fatti: circa un anno fa cominciarono ad essere registrate denunce da parte di società di Firenze, Arezzo, Lucca, Pisa e Livorno, tutte impegnate nella vendita e locazione di veicoli commerciali di ingente valore; piattaforme industriali ed escavatori, vennero fatti sparire dopo essere stati acquistati o noleggiati da una società fantasma, che il gruppo aveva stabilito, sulla carta, a Cecina (LI). La Stradale di Firenze effettuò subito una serie di perquisizioni, ma è solo con l’attività successiva che i pezzi di un sofisticato mosaico hanno consentito alla Procura di Livorno di accertare l’esistenza di una vera e propria associazione a delinquere, composta in larga parte da personaggi vicini alla criminalità organizzata campana. Lo stratagemma consisteva nell’utilizzare una ricca dotazione di documenti d’identità abilmente falsificati, tutti riferiti alla società fittizia che disponeva di un conto corrente bancario, privo di denaro, aperto presso una banca livornese. Una volta stipulati i contratti, i preziosi veicoli commerciali venivano trasportati in tutta fretta in Campania, dove venivano poi riciclati e venduti al miglior offerente in un canale commerciale parallelo. Il danno ammonta a svariate centinaia di migliaia di euro, in parte recuperato, ma è solo con il carcere che gli inquirenti hanno potuto mettere fine all’attività criminale del gruppo, che ha avuto pesanti ripercussioni nell’indotto commerciale. Il GIP di Livorno ha dunque emesso le 7 misure cautelari, tutte eseguite ad eccezione di una, il cui destinatario è attivamente ricercato. Le indagini continuano a ritmo serrato. (ASAPS).


Giovedì, 30 Settembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK