Martedì 22 Gennaio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 27/12/2018

di Luigi Altamura *
DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE: ENTRATA IN VIGORE DIFFERITA AL 1°GENNAIO 2020

La legge di Bilancio 2019, che dovrà essere approvata entro il prossimo 31 dicembre alla Camera, porta un'altra sorpresa agli automobilisti.
Niente da fare per l'introduzione del "documento unico di circolazione" che doveva entrare in vigore il prossimo 1. gennaio 2019. Differito tutto al 2020. Non si conoscono i reali motivi del differimento ma i possibili risparmi per coloro che intendevano immatricolare un veicolo o per chi voleva effettuare un passaggio di proprietà il prossimo anno, sono destinati a realizzarsi solo nel 2020.
La storia del DUC - come spesso accade nel mondo della legislazione nazionale legata al Codice della Strada - è particolarmente travagliata. Il Decreto Legislativo nr. 98 del 29 maggio 2017 mirava alla razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà dei veicoli, istituendo il DUC, Documento Unico di Circolazione. Fu la legge di bilancio 2018 a far slittare al 1° Gennaio 2019 l'avvio delle nuove procedure. E ora la vicenda si ripete.

Il Decreto Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti d'intesa con il Ministero di Giustizia del 23 ottobre 2017, aveva disciplinato poi le modalità di annotazione nel DUC dei dati relativi alla situazione giuridico-patrimoniale dei veicoli, alla sussistenza di privilegi e ipoteche, di provvedimenti amministrativi e giudiziari, anche presso il PRA che incidono sulla proprieta e sulla disponibilità dei veicoli, nonché di provvedimenti di fermo amministrativo. L'unificazione dei due documenti per i veicoli, consentirà  comunque una riduzione dei costi con l'eliminazione di due bolli del costo totale di 32 euro e la riduzione della tariffa PRA (Pubblico Registro Automobilistico) per l’iscrizione o la trascrizione del veicolo all’Aci che avrebbe dovuto scendere da 27 a 20 euro. Quasi 40 euro da risparmiare sui 100 in totale necessari per immatricolazione o passaggio di proprietà. C'è chi inizia a dubitare sui reali  benefici del provvedimento, piuttosto che ipotizzare una mancata riforma, visti i ritardi nell'introduzione del DUC. Comunque, con buona pace degli automobilisti, tutto è rinviato al 1° Gennaio 2020. Buon anno da Asaps.
 
* Comandante Polizia Municipale Verona


Con buona pace degli automobilisti, tutto è rinviato al 1° Gennaio 2020. (ASAPS)

 


 

Giovedì, 27 Dicembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK