Domenica 16 Dicembre 2018
area riservata
ASAPS.it su

Folle spacca auto con un martello e poi stacca un pezzo di dito con un morso ad un poliziotto

E' il bilancio di una serata folle in via Antonio Mambretti, tra Certosa e Quarto Oggiaro

Un poliziotto con un pezzo di dito amputato e un uomo arrestato. E' il bilancio di una serata folle in via Antonio Mambretti, tra Certosa e Quarto Oggiaro a Milano.

Stando a quanto appreso da MilanoToday, tutto comincia poco dopo la mezzanotte di venerdì. Diversi cittadini segnalano la presenza di un uomo con un martello in mano. Urlava e stava devastano auto e pensiline della Stazione Certosa. Sul posto arrivano in pochi minuti cinque volanti dell'Upg.

L'uomo, un italiano di 34 anni di origine egiziana, sembra fuori di sé. Si scaglia contro gli agenti con il martello. I poliziotti riescono a fermarlo con l'aiuto del taser.  Un agente, un ragazzo di 30 anni, si avvicina per togliergli un accendino di mano e lui gli stacca con un morso l'ultimo pezzo della falange del terzo dito della mano sinistra.

Sul posto interviene anche il 118 con due ambulanze e un'automedica. L'agente ferito viene trasportato alla Multimedica di Sesto San Giovanni in codice giallo, dove viene sottoposto ad un delicato intervento alla mano. Il polpastrello, fanno sapere dalla centrale operativa dell'Azienda regionale emergenza urgenza, è stato amputato. Potrebbe avere 50 giorni di prognosi. L'aggressore viene portato al Sacco per il suo stato di agitazione: sembra sia un paziente psichiatrico. Viene arrestato per resistenza e lesioni aggravate, ha precedenti per gli stessi tipi di reato.

Il segretario provinciale del Sindacato autonomo di Polizia, Massimiliano Pirola, ha fatto un appello tramite MilanoToday ribadendo che servirebbero più taser in mano ai poliziotti. "Oggi a Milano ce ne sono ancora pochissimi. Ogni Volante dovrebbe averne uno. Dovrebbero abilitare tutti gli agenti all'utilizzo dell'arma e dovrebbero cambiare anche le regole d'ingaggio".
 

Stiben Mesa Paniagua
da milanotoday.it


Continua la ferocia delle aggressioni agli agenti a seguito di controlli sulle strade e sul territorio. Qui si è superato ogni limite.
L’Osservatorio ASAPS ha registrato nei soli primi 8 mesi del 2018 ben 1.574 aggressioni. Per il 46,6% vittime sono stati i Carabinieri, nel 42,6% i poliziotti, nel 10,7% gli agenti della Polizia Locale e nel 2,8 altri corpi.
454 aggressori sono risultati poi ubriachi o drogati pari al 28,8%. In 726 episodi protagonista è stato uno straniero, 46,1%. In 248 episodi sono state utilizzate armi proprie o improprie, 15,8%. (ASAPS)

Venerdì, 23 Novembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK