Mercoledì 01 Dicembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 08/11/2005

da Il Centauro n.99 - Ottobre 2005 - Dove serve un robusto antifurto Ne rubano meno, ma il sud resta a rischio

da Il Centauro n.99 - Ottobre 2005

Dove serve un robusto antifurto
Ne rubano meno, ma il sud resta a rischio


Una buona notizia per gli automobilisti, che emerge dal 1° rapporto Asaps - "Quattroruote"; la tendenza al ribasso dei furti d’auto è consolidata. Dalle 367.252 vetture rubate in Italia nel 1991, infatti, si è passati alle 182.470 del 2004, con una flessione del 49%.
Per Giordano Biserni, curatore dell’indagine, insieme con la figlia Giorgia ed Ernesto Forino, "i motivi vanno cercati nella crescente diffusione degli antifurti elettronici, a partire dagli immobilizzatori; nei filtri più severi attuati dalle Forze dell’ordine (soprattutto nei porti); nello svecchiamento del parco circolante che riduce la domanda di ricambi".
La città italiana nella quale si può stare più tranquilli è Belluno, dove si registrano soltanto 0,28 furti ogni 1000 auto circolanti; ma sonni sereni si dormono anche nella provincia del Verbano, a Sondrio, Isernia, Aosta. Chi va al Sud, invece, deve munirsi di solidi dispositivi antifurto.
Quasi a confermare i luoghi comuni, la Campania è la regione dove vengono attuati più furti (11,6 ogni 1000 auto circolanti), seguita da Puglia, Lazio, Sicilia e Calabria. Tra le città, la peggiore è Napoli (16,4 auto rubate ogni 1000); grossi rischi si corrono anche a Catania e Bari. Roma e Milano figurano al quarto e quinto posto.
Il quadro cambia per le due ruote: in testa c’è ancora Napoli (con 23,8 moto rubate ogni 1000), seguita però da Roma e Catania. Quinta risulta Genova.


A ROMA OCCHIO AL MOTORINO
In un’altra ricerca, l’Asaps ha rilevato che il maggior numero di ciclomotori viene rubato nella Capitale, che precede Milano.

 


Martedì, 08 Novembre 2005
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK