Martedì 27 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 23/10/2018

Polizia Municipale Verona sequestra auto ad un prestanome: senza patente, ha 307 veicoli intestati

L'Opel Astra è stata individuata dai Vigili di Quartiere della Delegazione Sud Ovest grazie al sistema informativo Giano2: il proprietario risulta essere un cittadino romeno, 44 enne, residente a Milano.
Foto tratta dall’articolo del Corriere.it

Grazie al sistema informativo Giano2, i Vigili di Quartiere della Delegazione Sud Ovest hanno individuato nei giorni scorsi una Opel Astra parcheggiata in via Ca' di Aprili, intestata ad un cittadino romeno, 44 enne, residente a Milano. Dalle verifiche sulle banche-dati della Motorizzazione e del Pubblico Registro Automobilistico, il cittadino non solo risulta senza patente, ma addirittura proprietario di 307 auto. L’intervento si inserisce nell’attività della Polizia municipale per contrastare il fenomeno dei prestanome, cioè di soggetti italiani e stranieri che risultano avere centinaia di veicoli intestati, senza dichiarare reddito. Spesso questi veicoli, fanno sapere dal comando di via del Pontiere, sono utilizzati dalla criminalità per commettere reati o sono coinvolti in fenomeni di pirateria. Grazie alla Procura della Repubblica di Milano e della Sezione di PG Arma Carabinieri, che ha attuato nuove tecniche di blocco di questi soggetti e dei relativi veicoli, ora le pattuglie sul territorio, grazie alle banche-dati, individuano i veicoli da sequestrare come previsto dall"art. 94bis del Codice della Strada.

>Trovata a Verona una delle 300 auto intestate alla stessa persona
I vigili sequestrano una Opel intestata ad un rumeno che risulta pure senza patente


La battaglia ai prestanome o "teste di legno" è appena iniziata e grazie ai controlli sul territorio con pattuglie dotate di nuove tecnologie diventa più dura per i criminali usare queste vetture; ASAPS  lo dice da anni che i prestanome sono pericolosi anche per la sicurezza stradale  (vedi episodi di pirateria).

Martedì, 23 Ottobre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK