Mercoledì 25 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 08/10/2018

Falsario di libretti per moto d'epoca pizzicato dalla Polizia Stradale

Andava in giro con un carrellino per farsi pubblicità. "Tradito" da un timbro della Motorizzazione di Prato che però nel 1973 non poteva esistere: la città non era ancora capoluogo di provincia
Il materiale sequestrato dalla Stradale

Firenze - La Polizia Stradale di Firenze ha denunciato un uomo di 40 anni, residente nel Maceratese, che si era attrezzato anche con un carrellino pubblicitario per favorire il commercio di ciclomotori da rottamare. Le carcasse venivano riparate con ricambi non originali in modo da rimetterli sul mercato come veicoli storici. Tutto è partito da una segnalazione fatta dalla Motorizzazione Civile di Firenze alla squadra di polizia giudiziaria del Compartimento Toscana, inerente alcuni libretti di circolazione intestati a moto inesistenti o addirittura radiate. Gli investigatori hanno scoperto tra il carteggio esaminato un libretto emesso dalla Motorizzazione di Prato nel 1973 che, però, allora non era una provincia a sé e quindi non aveva una sua motorizzazione (a dire il vero non ce l'ha nemmeno adesso...).

. A quel punto i poliziotti hanno monitorato l’attività di alcune agenzie di pratiche auto e di varie concessionarie, ricostruendo il puzzle e focalizzando l’attenzione sull’uomo, accertando che lui, in combutta con altre persone, si procurava vecchi ciclomotori al fine di estrapolare i numeri di telaio e poi trascriverli sui nuovi libretti, che riproducevano esattamente quelli dell’epoca. Per realizzare a regola d’arte quei tarocchi lui falsificava non solo i modelli delle carte di circolazione, ma anche quanto sugli stessi andava apposto, come le marche da bollo in lire e i timbri della Motorizzazione in uso negli anni sessanta. Quei documenti falsi erano nuovi di zecca e, pertanto, lui si adoperava per farli sembrare antichi, macchiandoli con il caffè o il the oppure accartocciandoli o, addirittura, provocandone l’ingiallimento con il fumo delle sigarette o con l’esposizione al sole.

L’uomo, volendo ampliare il giro d’affari, si recava pure ai mercatini dell’usato con un carrello della spesa adattato al suo lavoro di falsario, esponendovi sopra i modelli dei libretti con la pubblicità dei servizi che offriva. Ma quel timbro di Prato gli è stato fatale, tant’è che gli investigatori del Compartimento Toscana, insieme ai loro colleghi della Sezione di Macerata, si sono recati a casa del malfattore per perquisirlo, su delega della Procura di Firenze. L’attività ha consentito il recupero di numerose marche da bollo false da 100 lire, vari libretti di circolazione in bianco o già compilati, più normografi, una paletta delle forze dell’ordine, fumogeni, cartucce, nonché il carrellino pubblicitario. Tutto è stato sequestrato e la Polstrada sta cercando i complici.

da lanazione.it

 


 

 

Se ne vedono di tutte. (ASAPS)

Lunedì, 08 Ottobre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK