Lunedì 19 Novembre 2018
area riservata
ASAPS.it su

I  DISTACCAMENTI DELLA POLIZIA STRADALE RIMARRANNO APERTI. LO HA COMUNICATO IL SOTTOSEGRETARIO AGLI INTERNI MOLTENI  IN UN INCONTRO CON LE OO.SS. DI POLIZIA

(ASAPS) Diverse fonti sindacali della Polizia  informano che il  Sottosegretario al Ministero dell’Interno Nicola Molteni, in un incontro fra i vertici del Dipartimento della PS e le OO.SS., ha comunicato ufficialmente che i presidi della Specialità per i quali era stata programmata la chiusura (NdR diverse decine) resteranno aperti e che, considerati eccellenze per il controllo del territorio saranno potenziati. Questa inversione di marcia nella linea sulla necessità di mantenere aperti molti Distaccamenti della Polizia Stradale, è salutata con soddisfazione dell’ASAPS che si è battuta senza risparmio di energie in tutti questi anni per ostacolare gli assurdi programmi di chiusura dei reparti collocati sulle più importanti strade statali, proprio quelle a più elevato rischio mortalità come indicano le statistiche dell’Istat.

Finalmente è stata recepita la necessità di mantenere e potenziare i presidi del territorio istituiti per garantire livelli adeguati di sicurezza non solo stradale, ma anche per il contrasto ad una criminalità che spesso si muove anche fuori dalla rete autostradale per colpire abitazioni isolate o presidi artigianali e della piccola industria. Si pensi poi al contributo che viene portato dagli agenti della Stradale nei soccorsi  invernali agli automobilisti in difficoltà sui tratti di montagna delle strade statali.
Ora si dovrà vigilare affinché lo sforzo posto in essere in questi anni dagli amministratori locali, dalle associazioni e sindacati, approdi al promesso concreto risultato.
 
Giordano Biserni
Presidente ASAPS


Un buon risultato e una inversione della linea che sposava la chiusura dei reparti minori, in particolare della Polizia Stradale, ma anche della Ferroviaria. (ASAPS)

 

Giovedì, 27 Settembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK