Giovedì 17 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 26/09/2018

di Luigi Altamura*
È LEGGE L'OBBLIGO DEL SEGGIOLINO ANTIABBANDONO PER I MINORI DI 4 ANNI

Siamo contenti. Lo diciamo ad alta voce perché Asaps ne aveva fatto una campagna di sensibilizzazione molto importante e apprezzata dall'opinione pubblica nazionale, e che il Parlamento abbia approvato una legge in pochi mesi sull'obbligo di utilizzo di un seggiolino dotato di sistemi antiabbandono,  ci rende orgogliosi. Migliaia di genitori, ogni qualvolta ascoltavano o leggevano sulla stampa una notizia tragica sulla morte di un bimbo dimenticato in auto, si domandavano: "ma se capitasse anche a me? Come posso evitare una cosa simile?".

Seppur a livelli inferiori di allarme rispetto agli Stati Uniti (46 piccoli morti dall'inizio dell'anno fino al 22 settembre scorso, in aumento rispetto ai 43 di tutto il 2017 fonte http://noheatstroke.org), vorremmo evidenziare che il delicato tema è stato affrontato con estrema sensibilità e rapidità dai nostri parlamentari. L'Assemblea del Senato ha infatti approvato in via definitiva il ddl nr. 766 e connessi "Introduzione dell'obbligo di installazione di dispositivi per prevenire l'abbandono di bambini nei veicoli chiusi". Il testo era stato approvato all'unanimità dalla Commissione in sede redigente. L'articolo 1 modifica l'articolo 172 del codice della strada in materia di cinture di sicurezza, per introdurre l'obbligo, quando si trasporta un bambino di età inferiore a quattro anni, di utilizzare un dispositivo di allarme volto a prevenire l'abbandono.

Le caratteristiche tecniche e funzionali del dispositivo saranno definite da un successivo decreto del Ministero infrastrutture e Trasporti, da emanare entro 60 giorni dalla entrata in vigore del provvedimento e l'obbligo si applicherà decorsi 120 giorni dall'entrata in vigore del decreto, e comunque entro il 1 luglio 2019. L'articolo 2 prevede che sia fornita un'informazione adeguata sull'obbligo e le modalità di utilizzo del dispositivo. L'articolo 3 prevede la possibilità di agevolazioni fiscali, nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato. L'articolo 4 reca una clausola di invarianza finanziaria.
Ora aspettiamo che il Parlamento attui con la stessa rapidità la riforma del Codice della Strada, tanto attesa e tanto necessaria.
 
>Scarica il testo del DDL nr. 766 approvato al Senato in via definitiva

 


Una grande soddisfazione anche per l’ASAPS che  si era impegnata fortemente si questa iniziativa,  lanciando una sua forte campagna di ci comunicazione sui social.

 

Mercoledì, 26 Settembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK