Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 13/09/2018

Camionista al volante per 28 giorni senza rispettare il riposo

La Polizia dell'Unione Pedemontana Parmense ha fermato un autista di camion che durante la campagna dei pomodori ha guidato per quasi un mese senza rispettare i tempi di guida giornalieri e settimanali, comminandogli una sanzione di oltre seimila euro. Scoperto un altro autista che non aveva i dischi del cronotachigrafo e uno in sovraccarico.

Caccia grossa della Polizia locale parmense a settembre 2018, che in pochi giorni ha scoperto ben tre gravi infrazioni alle regole dell'autotrasporto. La più costosa è quella rilevata a un giovane autista fermato a Madregolo alla guida di un autoarticolato di un'azienda di autotrasporto piacentina. Esaminando i dati del suo cronotachigrafo, gli agenti della Unione Pedemontana Parmense hanno scoperto che negli ultimi 28 giorni non aveva rispettato i tempi di guida e di riposo giornalieri e settimanali. Così, il camionista ha ricevuto un verbale con diciassette sanzioni, che comporta una multa di 6204 euro e il taglio di quindici punti della patente. Anche l'impresa per cui lavoro è stata multata, ma per un importo minore: 327 euro. Inoltre, il camion carico di pomodori è stato fermato per un giorno, in attesa del pagamento delle multe.

Sempre nell'ambito della campagna dei pomodori emiliana, la Polizia dell'Unione Pedemontana Parmense ha fermato un autoarticolato guidato da un autista di cinquant'anni, che viaggiava con un sovraccarico di tre tonnellate. L'autista ha ricevuto una sanzione di 85 euro e la decurtazione di due punti e la stessa multa è stata presentata all'azienda committente, dopo che il conducente aveva dichiarato agli agenti che aveva caricato lei il semirimorchio. Il terzo fermo della Polizia locale è stato fatto sulla Statale della Cisa, all'altezza di Collecchio. In questo caso il camion aveva un cronotachigrafo analogico e l'autista non aveva i dischi dal 27 luglio in poi, dichiarando di averli persi. Confrontando il dato chilometrico dell'ultimo disco con quello del contachilometri del camion, gli agenti hanno rilevato che in questo periodo il veicolo aveva percorso 1794 chilometri senza un documento che segnasse i tempi di guida e di riposo e la velocità. Il pretesto dello smarrimento non ha evitato al camionista una pesante sanzione: 849 euro di multa, taglio di dieci punti e ritiro della patente.

da TrasportoEuropa.it


Si capiscono poi le conseguenze con incidenti apparentemente inspiegabili. (ASAPS)

Giovedì, 13 Settembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK