Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 13/08/2018

Smartphone alla guida, Toninelli: «Possibile ritiro patente»
Tutti i rischi al volante

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli: «Servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale»

«Stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni» per chi usa lo smartphone mentre sta guidando, «fino all’eventualità del ritiro immediato della patente. Ma prima ancora di una scelta sulle norme, servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale, specie tra i giovani. Senza un cambio di mentalità, i risultati saranno sempre parziali». Lo afferma il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli al Mattino, che pubblica un’inchiesta sugli incidenti stradali causati dall’utilizzo del cellulare.

Fenomeno gravissimo

Quello dell’uso degli smartphone al volante «è un fenomeno gravissimo, perché ha a che fare con le nostre abitudini più radicate e con l’idea, errata, che in fondo certe cose possano accadere solo agli altri. Ciò rappresenta una tragica sottovalutazione dei rischi», osserva Toninelli. Il bollettino dei morti per incidenti stradali nel 2017 è peggiorato, «parliamo di 95 vittime in più rispetto al 2016, oltre 3.300 in totale», aveva ricordato già qualche giorno fa il ministro in audizione al Senato. «Io non posso accettare, non posso tollerare questi dati. L’Europa punta a zero morti nel 2050, ma l’Italia è totalmente fuori target e ha già perso incentivi economici dall’Ue per colpa degli obiettivi mancati. Dobbiamo recuperare il gap e possiamo farlo anche investendo sulla capacità delle buone amministrazioni locali di rendere le proprie strade più sicure», aveva aggiunto il ministro, anticipando l’inasprimento del Codice della strada.


Quei pochi secondi che fanno la differenza

Il Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) ha diffuso l’anno scorso dati che mostrano che il 27% degli incidenti automobilisti sono stati causati dall’uso del telefono cellulare mentre si guida. Secondo l’Aci «in Italia 3 incidenti su 4 sono dovuti alla distrazione», e «cellulari e smartphone sono una delle cause principali»: li utilizzano alla guida almeno il 20% degli automobilisti italiani. Nel 2017, rileva l’Istat, sono stati 35 mila su un totale di 223 mila gli incidenti provocati dall’uso di smartphone. In pratica uno su 5, più di alcolici e stupefacenti. Basti pensare che per rispondere ad un SMS distogliamo l’attenzione dalla guida per una decina di secondi circa e che in questi dieci secondi a 50 km/h percorriamo circa 140 metri (più di un campo di calcio). Tutti i più recenti sondaggi concordano però nel sottolineare che il rischio legato all’utilizzo degli smartphone per chattare o inviare una «faccina» sembra non essere percepito adeguatamente dagli automobilisti. Tutti sanno che andare contromano in autostrada è un pericolo mortale, in pochi capiscono che usare il telefonino per mandare un messaggio o controllare l’e-mail è come guidare bendati.

Le sanzioni

Oggi per la guida con il telefonino in mano è prevista la sanzione da 161 a 646 euro e la perdita di 5 punti della patente. In caso di recidiva entro due anni, cioè di ripetizione della stessa infrazione, scatta la sospensione della patente da uno a tre mesi. L’anno scorso si cercò di inasprire le sanzioni, con un emendamento alla legge di Bilancio che prevedeva multe più salate, il raddoppio dei punti decurtati e la sospensione della patente fin dalla prima infrazione: ma poi saltò tutto. Nei primi dieci mesi dello scorso anno, le multe per guida mentre si usava uno smartphone sono aumentate del 9,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016. Ma spesso le sanzioni vengono ridotte o annullate in tribunale, quando i giudici di pace richiedono prove schiaccianti per collegare l’uso degli smartphone all’incidente. Ed è per questo negli ultimi mesi i magistrati hanno iniziato a sequestrare i dispositivi elettronici presenti nei mezzi coinvolti in incidenti stradali gravissimi: così si avranno informazioni certe sull’incidenza dell’uso dei telefonini nella distrazione alla guida.


www.corriere.it

 

 


Alcune radio (RTL 105, Radio Capital)  ci hanno chiesto se siamo d’accordo con questa proposta del ministro Toninelli:  sospensione della patente alla prima violazione per uso del cellulare alla guida.
Figuriamoci! Solitamente siamo molto d’accordo con le nostre idee, visto che l’ASAPS aveva avanzato questa proposta già nel 2015. Nell’estate  2017 se ne discusse a lungo per un provvedimento urgente e dopo per inserire il provvedimento nella legge di stabilità. Ma non se ne fece niente. Speriamo che questa volta con la presa di posizione ufficiale del ministro si arrivi finalmente a questo risultato. Ma poi ci vogliono però i “controllori” su strada!  (ASAPS)

Lunedì, 13 Agosto 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK