Lunedì 23 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 06/08/2018

“Aggredite in strada in pieno centro a Torino. Abbiamo chiamato il 112: non è intervenuto”

La denuncia di due donne: un uomo nudo ha colpito una di noi in via San Massimo. Nel mirino il numero unico per le emergenze

Due ragazze hanno rischiato di essere violentate in pieno centro. E il 112 non ha inviato nessuno. Questa è un’altra storia che arricchisce il curriculum dei racconti sul funzionamento non proprio impeccabile del numero unico dell’emergenza varato più di un anno fa dalla Regione Piemonte. Questa è una storia terribile, finita casualmente bene. Sennò a quest’ora si potrebbe parlare di ben altro. Di stupro.

La vicenda è semplice ed è raccontata in una denuncia che le due hanno già presentato. Stanno tornando a casa a piedi. Percorrono via San Massimo . È centro, a tutti gli effetti. È zona di movida. Di ragazzi e ragazze che vanno a piedi. Ecco l’altra notte le due donne vengono avvicinate da un uomo. Dicono di colore. Si denuda davanti a loro. Cerca di mettere le loro le mani addosso. Le ragazze reagiscono. E intanto chiamano il 112. Ovvero il numero unico dell’emergenza. Urlano di essere state aggredite. Sono ovviamente confuse. Hanno paura. Per quasi un minuto rispondono alle domande dell’operatore che vuole capire di più. Che domanda dettagli. Loro, invece, vogliono subito una volante della polizia o una gazzella dei carabinieri. Niente da fare ancora domande. Fino a che le due staccano la chiamata e intanto stanno già scappando via. E le forze dell’ordine? Non intervengono. Non per cattiva volontà ma perchè non vengono avvisate. 


Una serie di guai 


Poteva finire male. Non c’è dubbio. E l’episodio va ad arricchire l’aneddottica dei guai del 112. Dopo il caso del’operaio annegato nel sottopasso di Rivarolo perchè - incolpevoli - i pompieri sono arrivati dopo 40 minuti. Dopo altre segnalazioni e denunce da parte dei sindacati di polizia e dei vigili del fuoco e degli infermieri che lamentano disservizi. In un report presentato a inizio luglio si analizzavano le richieste di intervento registrate dal primo gennaio 2018 ai primi giorni di luglio. Il totale delle chiamate sfiorava quota sei milioni. Con una media mensile superiore a 900 mila telefonate.

 
I mancati interventi 

Quello che dovrebbe far riflettere, o almeno questa è la lettura che danno i delegati, è il numero delle richieste di intervento che, di fatto, non vengono girate ai soccorsi. Sono, in tutto, il 53,63 per cento: più della metà.

Un disastro secondo i sindacati. Che da tempo chiedono che il modello sia rivisto. Che gli operatori siano professionisti dei soccorsi, ovvero personale sanitario, ma anche delle forze dell’ordine e dei pompieri. Proprio il 115 un anno fa diceva che spesso i vigili del fuoco vengono allertati per ultimi, andando a spiegare che chi ha raccolto la chiamata non ha valutato bene le necessità. E di conseguenza ha ritardato il soccorso. Mettendo a rischio la vita delle persone.


di
Lodovico Poletto


da lastampa.it

 


Ancora perplessità sul funzionamento del 112. Preoccupante. (ASAPS)
“E intanto chiamano il 112. Ovvero il numero unico dell’emergenza. Urlano di essere state aggredite. Sono ovviamente confuse. Hanno paura. Per quasi un minuto rispondono alle domande dell’operatore che vuole capire di più. Che domanda dettagli. Loro, invece, vogliono subito una volante della polizia o una gazzella dei carabinieri. Niente da fare ancora domande. Fino a che le due staccano la chiamata e intanto stanno già scappando via. E le forze dell’ordine? Non intervengono. Non per cattiva volontà ma perché non vengono avvisate".

Lunedì, 06 Agosto 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK