Lunedì 19 Novembre 2018
area riservata
ASAPS.it su

Ubriaco alla guida: 35enne di Rovereto accusato di omicidio stradale aggravato

Un uomo di 35 anni di Rovereto è accusato di omicidio stradale aggravato per aver investito con la sua auto Corrado Ferraro, direttore commerciale e marketing della Fondazione Arena di Verona, che era alla guida della sua moto sull'A22
Un'immagine dell'incidente - da Veronasera

Un uomo di 35 anni di Rovereto è accusato di omicidio stradale aggravato per aver investito con la sua auto Corrado Ferraro, direttore commerciale e marketing della Fondazione Arena di Verona, che si trovava alla guida della sua moto, uno scooter Honda, quando è stato tamponato all'improvviso la notte tra domenica 29 e lunedì 30 luglio. Secondo le risultanze dei primi rilievi svolti dalla polstrada sul luogo dell'incidente - riportate dal quotidiano 'Veronasera' -  la dinamica dello scontro consisterebbe in un violento tamponamento che non ha lasciato alcuno scampo a Ferraro. La Citroen C4 guidata dal 35enne, le cui iniziali sono M.O., ha letteralmente travolto il due ruote, trascinandoselo al di sotto della carena e arrestando la propria corsa soltanto circa 110 metri dopo il primo impatto.

A seguito dell'urto, che si è verificato al chilomentro 226+69 dell'autostrada del Brennero, in direzione nord, il dirigente di Fondazione Arena è stato sbalzato all'indietro dalla sella dello scooter ed il suo casco è stato ritrovato a circa nove metri di distanza con ancora il lacciolo della sicura allacciato. Subito dopo l'urto violentissimo, una fuoriuscita di benzina sulla strada ha quindi provocato un incendio che ha coinvolto entrambi i mezzi, rimasti pressoché distrutti, cosa che complicherà non poco il lavoro degli inquirenti.

Ad aggravare in modo decisivo la posizione dell'investitore 35enne - riferisce ancora 'Veronasera' - è stata la prova dell'etilometro: alla prima prova il tasso alcolemico è stato di 1,42 mentre la seconda ha dato come esito 1,47. L'ipotesi di reato che gli verrà contestata sarà dunque, com'era inevitabile, quella di "omicidio stradale aggravato" e nelle prossime ore si terrà il processo per direttissima per la convalida dell'arresto. L'uomo aveva peraltro già alcuni precedenti specifici, seppur datati, sempre per il reato di guida in stato di ebbrezza.

La vittima, Corrado Ferraro, dopo l'impatto tremendo e l'arrivo dei soccorsi, è stato trasferito già in fin di vita presso l'ospedale di Borgo Trento, ma nel corso della notte è poi sopraggiunto il decesso. Ferraro si era diplomato al Conservatorio di Verona in violino ed era anche laureato in Economia e gestione delle imprese di servizi sempre nell'ateneo scaligero. Dopo aver svolto per anni il ruolo di professore d'orchestra, dal '93 al '96 aveva lavorato per Fondazione Arena come direttore della biglietteria, in seguito fino al 2002 quale responsabile del marketing e, infine, prima del tragico incidente di stanotte come direttore.

da trentotoday.it


Per il conducente dell’auto che ha travolto sulla A22  la moto di Corrado Ferrero, direttore commerciale e marketing della Fondazione Arena di Verona, uccidendolo,  scatta l’accusa di Omicidio stradale. Era ubriaco alla guida e anche recidivo! La strada va urgentemente bonificata da questa gente! (ASAPS)

Mercoledì, 01 Agosto 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK