Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Ponte Lambro
Picchia i vigili, scappa dall’auto della Locale e fugge a piedi in tangenziale: travolto, è grave

Il giovane fermato perché senza documenti. I ghisa lo stavano portando al comando
Foto di repertorio

I ghisa lo avevano fermato in un palazzo occupato e lo avevano potato via per identificarlo. Lui, però, in un attimo di pazzia, ha deciso di aggredire gli agenti e di tentare una disperata fuga a piedi tra le auto in corsa.

Follia verso le 10 di martedì mattina sulla Tangenziale Est di Milano, dove un uomo - si tratterebbe di un marocchino di venticinque anni - è stato investito mentre cercava di scappare da una pattuglia di ghisa nel tratto tra le uscite di Mecenate e Paullo.

Stando a quanto finora ricostruito, il 25enne era stato trovato in mattinata in un palazzo occupato di via Ucelli di Nemi - zona Ponte Lambro - insieme a una donna, anche lei marocchina. I due, entrambi senza documenti, sono stati caricati su due distinte auto della Locale - intervenuta proprio per le operazioni di messa in sicurezza dell'edificio - per essere portati al comando per l’identificazione.

Arrivati all’altezza dell’uscita di Paullo della Tangenziale, però, il il giovane avrebbe aggredito la vigilessa che era con lui sul sedile posteriore per poi passare davanti e colpire anche il ghisa alla guida, che intanto aveva fermato l'auto.

A quel punto, il ragazzo ha aperto lo sportello ed è fuggito, ma è stato travolto da un’auto sulla corsia di sorpasso. Il 25enne è finito al Niguarda - dove è al momento piantonato - in codice giallo: è grave ma non è in pericolo di vita. I due ghisa, feriti, sono invece stati trasportati all’ospedale di San Donato in codice verde.

Per il giovane scatteranno le accuse di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Carmine Ranieri Guarino
da milanotoday.it


 

Dopo l’alt aggredisce gli agenti e si dà alla fuga. Ma non finisce bene. (ASAPS)

Mercoledì, 18 Luglio 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK