Sabato 22 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 17/07/2018

Inseguimento da film sul litorale: ferisce carabiniere, sale sulle barche e si tuffa in mare

I militari hanno richiesto l'ausilio alla Capitaneria di Porto. Il fuggitivo è stata successivamente catturato

Inseguimento da film ad Anzio nella serata tra sabato 14 e domenica 15 luglio. I Carabinieri della Stazione di Nettuno, con non poca fatica, hanno arrestato un 23enne di Aprilia con le accuse di furto aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma da taglio.

I Carabinieri erano stati allertati dopo una serie di effrazioni in alcuni esercizi commerciali. Giunti sul posto, i militari hanno effettuato una verifica nei negozi danneggiati per un primo sopralluogo e, in uno di questi, hanno sorpreso il giovane con volto travisato che, alla loro vista, ha iniziato a scagliargli contro sedie e oggetti vari colpendo e ferendo un carabiniere all'avanbraccio, per poi riuscire a guadagnare l'uscita e allontanarsi di corsa.

Ne è scaturito quindi un vero e proprio inseguimento a piedi che dal centro è proseguito fino al porto. Il malvivente, nel tentativo di far perdere le proprie tracce, ha iniziato a saltare da una barca all'altra. Senza vie di fuga, si è quindi tuffato in mare nell'ultimo tentativo di seminare i Carabinieri, rimanendo attaccato al parabordo di una imbarcazione.

I militari hanno poi richiesto l'ausilio alla Capitaneria di Porto e grazie all'ottimo coordinamento il 23enne è stato subito individuato. Il suo recupero non si è rivelato semplice, soprattutto perché il giovane, pur essendo in acqua, ha tentato in tutti i modi di evitare la cattura, mettendo a repentagli la propria incolumità.

Ma, grazie all'esperienza dei Carabinieri e dei militari dell'unità della Capitaneria di Porto, si è evitato il peggio e il giovane è stato bloccato. L'uomo, rifiutate le cure mediche, è stato sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di un coltello a lama fissa di circa 20 centimetri nonché due banconote da 50 euro nascoste negli indumenti intimi, provento dei furti.

Su di un'imbarcazione dove l'arrestato era saltato, è stato rinvenuto anche un telefono cellulare di proprietà di uno dei titolari degli esercizi commerciali, e asportato dal negozio. Il 23enne è stato trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.

da romatoday.it


Ma poi l’hanno preso! (ASAPS)

Martedì, 17 Luglio 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK