Domenica 20 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**
TRASPORTO DI COSE IN CONTO PROPRIO
Violazioni delle prescrizioni e dei limiti propri della licenza
- Artt. 46, commi 1 e 2, L. 298/1974 e 83, comma 6, CdS -

Foto Coraggio - archivio Asaps

Ipotesi sanzionatorie riscontrabili su strada:

a) trainava un rimorchio/semirimorchio appartenente ad altra impresa (vedasi l’art. 32/2° comma della Legge n. 298/1974). Un’eccezione a tale principio generale è prevista, tuttavia, dalle particolari disposizioni che disciplinano il «trasporto combinato in conto proprio» fra Stati membri dell’UE o aderenti all’accordo sullo SEE. Nel caso di trasporti di cose per conto di terzi, invece, è ammessa la possibilità di formare complessi veicolari misti, purché i relativi componenti (comunque immatricolati per «uso di terzi») siano di proprietà o nella disponibilità di differenti imprese regolarmente iscritte nell’Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi (ed anche nel REN se operano con veicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 1,5 t., o con complessi formati da questi veicoli): si tratta del cosiddetto «trazionismo», attività che è ammessa nel solo settore dell’autotrasporto di merci per conto di terzi (vedasi l’art. 41/3° comma della Legge n. 298/1974). Per «trazionismo» si intende l’autotrasporto «eseguito da una unità viaggiante composta di trattore di proprietà del vettore e semirimorchio di proprietà altrui» (vedasi la sentenza n. 16582 del 25 novembre 2002 della Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro);...

>LEGGI LA SCHEDA

 






Ancora una scheda di tre pagine con le varie ipotesi sanzionatorie riscontrabili su strada.  (ASAPS)

Venerdì, 15 Giugno 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK