Lunedì 18 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 01/06/2018

La giungla delle auto usate in Italia: il 50% ha il contachilometri taroccato. Il Parlamento Ue chiede misure urgenti per proteggere i consumatori

La roulette russa dei contachilometri dell'usato è una frode estesa che ha grosse implicazioni sulla sicurezza stradale, per questo Strasburgo chiede regole stringenti in tutta la Ue. L'Italia uno dei paesi peggiori, dall'altro lato Belgio ed Olanda hanno applicato la tolleranza zero contro chi tarocca

Hai comprato un auto usata in Italia? Hai il 50% di probabilità che il suo contachilometri sia taroccato. Se l'hai fatto in Polonia e Romania la percentuale di rischio schizza all'80%: non è una roulette russa per i consumatori-autisti, ma poco ci manca e il tutto grazie al fatto che mancano regole stringenti in Europa sui controlli nel mercato delle vetture usate ed in particolare sui loro km percorsi. Per ovviare a questa lacuna il Parlamento Ue ha chiesto oggi - con una risoluzione approvata a larghissima maggioranza, 577 sì, 32 no e 19 astensioni - alla Commissione di presentare entro 12 mesi una proposta legislativa per contrastare la manomissione dei contachilometri. Tra le misure contemplate, la possibilità per gli Stati di imporre sanzioni anche penali per chi tarocca i giri del contachilometri.

Italia: troppe frodi e poche norme
In Italia, secondo uno studio del Parlamento Ue realizzato l'anno scorso, tra il 2011 e il 2013 sono state vendute circa 2,5 milioni di auto di seconda mano all'anno, di queste la metà aveva il contachilometri manomesso. Una situazione allarmante, ma non casuale, visto che nel Belpaese le norme sui controlli sono assai blande: l’Italia non rientra infatti tra i Paesi europei dove vige l’obbligo di registrazione del chilometraggio durante l'esame tecnico periodico, né tra quelli dotati di un regolamento specifico per la registrazione del chilometraggio. In Belgio ed Olanda, dove invece i controlli e le registrazioni dei chilometraggi sono obbligatori, le frodi sono state praticamente azzerate.

La richiesta del Parlamento Ue
Per ovviare a questa situazione a macchia di leopardo e che implica grossi danni ai consumatori e alla sicurezza stradale, Strasburgo propone che la registrazione delle letture del contachilometri sia obbligatoria a ogni controllo tecnico periodico, a ogni ispezione, servizio, operazione di manutenzione e riparazione effettuata sul veicolo e ad ogni altra visita di officina. Il tutto a partire dalla prima immatricolazione del veicolo.

I deputati chiedono inoltre alla Commissione di monitorare il modo in cui i produttori di auto attuano le strategie di protezione dalle manomissioni richieste dalle attuali norme Ue e di stabilire criteri chiari per controllare efficacemente che i contachilometri siano a prova di manomissione.

Taroccare diventi un reato penale
Anche se la manomissione ha un impatto negativo sulla sicurezza stradale, solo sei Paesi dell'UE riconoscono la "manipolazione del contachilometri" come reato penale, dicono i deputati, che invitano, quindi, tutti i paesi dell'Ue a farlo.

"Se la Commissione trasformerà le nostre raccomandazioni in progetti di legge", afferma il relatore della risoluzione, il socialdemocratico tedesco Ismail Ertug, "potrebbe portare a un beneficio annuale di 6-9 miliardi di euro, nonché ripristinare la fiducia dei consumatori sul mercato delle auto usate, contribuendo nel contempo alla sicurezza stradale. Si tratta di una grande opportunità per dimostrare un vero valore aggiunto europeo, proteggendo i consumatori".

Redazione Strasburgo
da today.it


E anche in questo caso facciamo una magra figura. (ASAPS)

Venerdì, 01 Giugno 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK