Domenica 20 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su

LA CASSAZIONE: UN BASTONE IN AUTO E' PORTO ABUSIVO DI ARMA IMPROPRIA

La dotazione dell'automobilista modello? Il Triangolo, la ruota di scorta, d'inverno le catene e, perché no, un robusto bastone buono per tutte le stagioni visto che nella giungla d'asfalto non si sa mai che cosa, o meglio, chi ti può capitare. Peccato però che con accessorio del genere, di certo non prescritto dal codice stradale, la bastonata la rischia l'automobilista, dal Tribunale penale. Parola della Cassazione, (sentenza 23 maggio 2018, n. 23160), su un caso (oramai caduto in prescrizione) accaduto anni fa in Lombardia.
Si trattava di un'automobilista che al controllo di polizia era stato sorpreso con un bastone nel portabagagli. Secondo lui un oggetto insignificante, per gli agenti, invece, un'arma a tutti gli effetti.
“Sarà lungo un metro, con un diametro di appena 3 centimetri” si era difeso lui. Poi “non ha parti acuminate, né taglienti”: insomma come si può considerare un'arma? Argomenti che non hanno intenerito gli agenti, dato che se uno porta un bastone in macchina non è certo per battere la canapa.

Il bastone può essere considerato arma? - Al quesito la legge risponde in maniera pragmatica: vero è che si definisce arma quella la cui “destinazione naturale è l'offesa della persona” (ed il bastone non è tale), ma alla stessa stregua può essere considerata arma (impropria) anche uno strumento il cui utilizzo o porto non sia giustificato in relazione alle circostanze di tempo e di luogo. Quindi è possibile che un'automobilista porti in macchina una mazza da baseball, ad esempio, ma solo se si sta recando al centro sportivo per l'allenamento.

Porto o trasporto? - Se il bastone (ma vale anche per l'arma propria) è nel bagagliaio, come si può imputarne il porto? Portare un arma significa averla a portata di mano, cioè essere in condizione di un rapido utilizzo, altrimenti dobbiamo parlare di trasporto (peraltro assoggettato a licenza di P.S.). Il fatto è che il concetto di “trasporto” è applicabile solo alle armi proprie. Insomma, non esiste il reato di “trasporto” di arma impropria, perché in tali condizioni l'oggetto torna ad essere ne più e ne meno che attrezzo o semplicemente una cosa. Ergo, bastone “trasportato” nel bagagliaio, niente reato. Vero? Non per la Cassazione che ha invece spiegato: “in tema di porto d’arma in luogo pubblico, sebbene ai fini della consumazione del reato non sia richiesto che il soggetto agente tenga l’arma sulla sua persona, è necessario che questi possa acquisirne facilmente la disponibilità materiale per farne un uso immediato (cfr. Cass.Sez. VI, 1 dicembre 2015, n. 4970). Circostanza che ricorre anche se il bastone è nel porta bagagli.
Se vuoi usare il bastone, certo non lo farai mentre sei alla guida. Quindi ti devi fermare e scendere dall'auto. Allora cosa ci vuole ad aprire il bagagliaio? Detto con le parole della Corte: “Se il criterio discretivo tra le due ipotesi (porto e trasporto) è quello dell’immediata disponibilità dell’arma in capo all’agente, l’essere questa riposta, durante il tragitto, nel bagagliaio dell’autovettura, senza alcun accorgimento particolare che ne impedisca l’immediata apprensione, induce alla qualificazione come porto illegale e non già come trasporto”. U.T. (ASAPS)
 


 

La dotazione dell'automobilista modello? Il Triangolo, la ruota di scorta, d'inverno le catene e, perché no, un robusto bastone buono per tutte le stagioni visto che nella giungla d'asfalto non si sa mai che cosa, o meglio, chi ti può capitare. Peccato però che con accessorio del genere, di certo non prescritto dal codice stradale, la bastonata la rischia l'automobilista, dal Tribunale penale. Parola della Cassazione, (sentenza 23 maggio 2018, n. 23160), su un caso (oramai caduto in prescrizione) accaduto anni fa in Lombardia. (ASAPS)

Martedì, 29 Maggio 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK