Venerdì 26 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su

di Riccardo Matesic*
Il futuro dell’auto è già arrivato

La rivoluzione è alle porte! Ne abbiamo letto come di una cosa lontana. Perché il nostro è forse il Paese dove la portata della valanga incombente è meno percepita Ma fra guida automoma, propulsione elettrica e applicazioni dell’elettronica ai veicoli, quello che sembrava un futuro remoto è divenuto realtà

Rispetto agli altri stati, l’Italia ha un’arretratezza infrastrutturale marcata, fatta di strade che sembrano uscite dai bombardamenti di una guerra. Si stanno finalmente montando delle colonnine di ricarica sull’A1, è vero, ma la realtà del paese all’estremo opposto, quella Norvegia dove in alcuni periodi si vendono più auto elettriche che a motore termico, è lontana anni luce. Lì è un paradiso di servizi dedicati e di sgravi fiscali. E ora, proprio i norvegesi che si autoproducono da fonti rinnovabili il fabbisogno elettrico, stanno testando i lampioni a intensità variabile: si attivano al passaggio di auto o pedoni.
Così la nuova rivoluzione della mobilità, dopo la motorizzazione di massa degli anni Cinquanta, è qui; e noi non ce ne siamo accorti...

>LEGGI L'ARTICOLO

da il Centauro n. 209

 

 

 

Martedì, 27 Marzo 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK