Venerdì 16 Aprile 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 22/11/2004

DOMENICA MALEDETTA DOMENICA. INCIDENTI GRAVISSIMI ANCHE NELLA RETE AUTOSTRADALE. PENSARE CHE I DATI DEI PRIMI 16 MESI DALLA PaP, CI DANNO GLI INCIDENTI MORTALI IN UN NETTO CALO: -17,8% SUPERIORE ALLA RIMANENTE RETE -14,5%. Velocità alcol e stanchezza le cause che stroncano tante vite.

DOMENICA MALEDETTA DOMENICA.
INCIDENTI GRAVISSIMI ANCHE NELLA RETE AUTOSTRADALE. PENSARE CHE I DATI DEI PRIMI 16 MESI DALLA PaP, CI DANNO GLI INCIDENTI MORTALI IN UN NETTO CALO: -17,8% SUPERIORE ALLA RIMANENTE RETE -14,5%.
Velocità alcol e stanchezza le cause che stroncano tante vite.

I resti della macchina del tragico incidente sulla Tangenziale di Roma

Stavamo analizzando il buon andamento della sinistrosità dopo la patante a punti, in particolare nella rete autostradale dove - si pensi - nei primi 16 mesi dell’adozione della PaP, si è registrata - fonte Polizia Stradale - una riduzione dei sinistri mortali del 17,8% e delle vittime del 17,3%, rispetto al corrispondente periodo precedente (in sostanza 154 morti in meno nella sola rete autostradale), sensibilimente superiore al dato dell’intera viabilità (-14,7% per i sinistri mortali. -14,5% per le vittime), per darne notizia sul nostro sito www.asaps.it , quando abbiamo appreso di questa tragica domenica 21 novembre,  iniziata con un gravissimo sinistro della notte inoltrata con 2 morti sul raccordo anulare a Roma e altri 4 in un solo incidente sulla A1 fra Reggio e Modena, una vera domenica nera sulle strade.
Non abbiamo elementi per valutare le esatte dinamiche dei sinistri, ma dalle immagini televisive c’è da domandarsi a che velocità viaggiassero alcune vetture.

Nell’incidente di Roma la vettura tamponata è letteralmente scomparsa per oltre la sua metà. Alle 5 del mattino i riflessi non sono più quelli ordinari e il tempo di reazione può allungarsi dal classico 1 secondo di una persona normale a 2 o più secondi.
In quel secondo in più, ad esempio a 180 all’ora, si percorrono 50 metri, a 150 quasi 42, a 130 36 metri.
Un numero maggiore di metri percorsi che spesso fa la differenza fra la vita e la morte.





Lunedì, 22 Novembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK