Lunedì 14 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 01/03/2018

SERVE UNA URGENTE INDAGINE SULLA NEVE

di Giordano Biserni
Premilcuore (FC) sotto una scarpa di neve

Bisogna subito studiare questo strano fenomeno di neve devastante.
Non si capisce come sia cambiata l’amica bianca che scende dal cielo rispetto a quella di qualche decennio fa.
Oggi con 10 centimetri di coltre sul territorio:
- sulla rete ferroviaria regionale  si ferma un treno su due (dei pendolari ovviamente perché le Frecce probabilmente passano dove non c’è la neve...)
- sulla rete stradale i Tir vengono quotidianamente  fermati “manu militari” per evitare intraversamenti sui passi con relative paralisi del traffico e famiglie da soccorrere.

E pensare  che una volta i camionisti aiutavano gli automobilisti a montare le catene. Oggi dei Tir polacchi o rumeni (notoriamente paese caldi) arrivano ai piedi del passo del Muraglione SS67 senza catene, senza gomme invernali e si intraversano, poi deve arrivare in soccorso la Stradale,  portando anche al camionista straniero (ma UE)  i viveri offerti dalla generosa gente di montagna  In questi terribili giorni di neve fra gomme invernali, ma  capacità  di guida estive e catene nel bagagliaio, molte volte non pervenute sulle ruote motrici (è lì che sono efficaci!) con quota 10 cm sembra di essere tutti impegnati in una scalata sull’Everest.
- Le scuole di pianura con 10 cm di neve vengono chiuse per giorni, che se ai miei tempi  nel mio simpatico paesino della montagna romagnola veniva adottato questo metro (di valutazione intendo), io ancora non avrei conseguito la licenza elementare. Allora la neve si misurava in scarpa, mezza gamba, gamba e metà vita.

Vuoi vedere che c’è stata una mutazione genetica di questa neve? Serve non dico una commissione ma almeno una indagine urgente (dopo le elezioni ovviamente) per capire cosa sta accadendo alla nostra amica bianca che scende lenta e indifferente dal cielo.
Ma allora la neve a terra  si sarà sciolta come fa solitamente la neve al sole. E purtroppo si saranno d’incanto sciolte anche tante promesse elettorali.
 
Giordano Biserni



 

Giovedì, 01 Marzo 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK