Martedì 19 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 24/11/2004

A1 - Ancora una raffica di incidenti stradali con coinvolti mezzi pesanti.

 

A1 - Ancora una raffica di incidenti stradali con coinvolti mezzi pesanti.

Una serie di incidenti stradali che ha visto coinvolti alcuni mezzi pesanti, si è verificata nella mattinata odierna ed ha interessato in modo particolare due grandi direttrici autostradali.
Nel primo caso si tratta dell’A/1, nel tratto compreso tra Reggio Emilia e Parma: un autotreno che trasportava diversi quintali di piastrelle ceramiche è improvvisamente fuoriuscito dalla carreggiata, andandosi a scontrare ed abbattendo un muro di cemento che delimitava i lavori dell’Alta velocità ferroviaria. Data la forza dell’urto l’automezzo si è ribaltato ed ha invaso tutte e tre le corsie autostradali e per questo motivo la tratta è stata chiusa per effettuare le operazioni di soccorso e rimozione.
Immediatamente si è formato un lungo serpentone di veicoli sulla via Emilia (S.S.9) da Reggio Emilia a Parma ed è stata allertata persino la Protezione Civile. Nessuna conseguenza, fortunatamente, per il conducente.
Poche ore più tardi, invece, un secondo incidente stradale si è verificato sull’A/4, tra Rovato e Palazzuolo Ponte-Oglio ed ha interessato ben tre veicoli pesanti che si sono scontrati fra loro. L’autostrada è stata parzialmente chiusa e si sono registrate colonne di traffico fino a 12 chilometri. Soltanto nella tarda mattinata i veicoli hanno ripreso a circolare regolarmente e le operazioni più complicate sono state ovviamente eseguite per rimuovere i tre veicoli pesanti. Anche in questo caso, pur essendo state registrate lesioni ai protagonisti, non si sono avute le conseguenze in un primo tempo temute e che avevano fatto pensare a un epilogo per più drammatico.
Rimane dunque alto il tasso di pericolosità delle nostre autostrade e soprattutto la probabilità di vedere coinvolti mezzi industriali negli incidenti stradali, una denuncia già fatta in questi giorni dall’Asaps.








Mercoledì, 24 Novembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK