Giovedì 28 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 25/11/2004

Sicurezza stradale. Mini-car. Sen. Fabris (UDEUR): "In Germania le vietano. Da noi no!"

Sicurezza stradale.
Mini-car. Sen. Fabris (UDEUR):
"In Germania le vietano. Da noi no!"
Il Sen.Mauro Fabris (UDEUR), Vice Presidente della Commissione Trasporti del Senato, ha presentato una interpellanza urgente a Lunardi, denunciando la totale incoscienza che regna in materia di minicar. Questi veicoli, essendo omologati come i ciclomotori, oltre a non essere costruiti con gli stessi standard di sicurezza delle auto, sono addirittura vietati in Germania, mentre in Italia continuano a costituire un gravissimo rischio per la sicurezza stradale.
Numerosi i quesiti rivolti al Governo sul punto da Fabris:"Perché non se ne vieta la vendita anche in Italia? Perché la Motorizzazione Civile si ostina a non rendere pubblici i dati relativi al livello di sicurezza di tali veicoli? Perché la disciplina di omologazione è diversa da quella prevista per gli autoveicoli? Perché il Governo non ammette che le minicar sono più leggere di oltre il 90 % delle altre automobili?
Che ciò ne comporta una maggiore accelerazione? Che in alcuni casi di scontro gli elementi del veicolo possono addirittura penetrare in profondità nell’abitacolo? Che in caso di tamponamento il rischio di contrarre lesioni cervicali può addirittura raddoppiare? Ci sono norme tecniche di sicurezza che impediscono tutto questo? E’ stata fatta una campagna informativa sul punto? E i cittadini, sanno quanto pagano per la loro sicurezza? A questi quesiti il Governo non ha mai risposto. Nonostante chiamato in Aula più volte. Il 22 aprile scorso ed il 5 giugno dello scorso anno. Alla prima domanda ha persino replicato:"Non possiamo impedire la vendita delle minicar altrimenti ci sarebbe una incompatibilità con il diritto comunitario". E la Germania allora?


Roma lì, 24 novembre 2004


Sen. Mauro Fabris.








Giovedì, 25 Novembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK