Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 07/12/2004

BOLOGNA - TRAFFICO: LUNARDI, SENZA MODIFICHE, EMERGENZA IN 2012

 

TRAFFICO: LUNARDI, SENZA MODIFICHE, EMERGENZA IN 2012

(ANSA) - BOLOGNA- "Oggi siamo in emergenza, se non ci saranno delle modiche entro il 2012 ci sara’ la paralisi completa del traffico". La previsione e’ di Pietro Lunardi, ministro delle Infrastrutture che ha parlato al Motorshow di Bologna ai ragazzi dei un liceo che al salone internazionale dell’auto e della moto stanno frequentando il corso per prendere il patentino. Ai ragazzi il ministro ha voluto spiegare l’impegno del governo per rendere ’fluida’ quella mobilita’ che, ha spiegato, e’ un diritto fondamentale delle persone. "I governi passati non si erano impegnati molto su questo fronte - ha detto - da noi e’ stato fatto un piano organico in cui si ottiene un sistema a rete che permetta di viaggiare su tutto il territorio". Se manca quel sistema, ha spiegato Lunardi, seduto in cattedra davanti agli allievi, ci sono problemi enormi sul fronte dell’inquinamento. Non solo, la mancata mobilita’ produce danni economici per 60.000 miliardi di vecchie lire e non si riesce a sfruttare appieno le potenzialita’ del turismo. Ma , ha aggiunto, "il danno piu’ grave e’ l’incidentalita’ che uccide ogni anno 7-8000 persone e ne rende 20.000 invalide". Gli incidenti, ha sottolineato, non succedono per alta velocita’, ma per velocita’ inadeguata. E in realta’ il 90% degli incidenti accadono per comportamenti errati del conducente (sonnolenza, distrazione, ubriachezza, assunzione di stupefacenti o simili). Per questo l’azione del Governo, ha aggiunto Lunardi, si regge su tre pilastri: mezzi di trasporto (con aumento degli standard di sicurezza); miglioramento delle infrastrutture; infine, azioni educative sui conducenti. "Un lavoro a medio e lungo termine che stiamo facendo". Il corso per il patentino al Motor Show e’ stato realizzato per iniziativa del Ministero delle infrastrutture, Promotor International e Regione Emilia-Romagna. "Il patentino e’ uno sforzo in piu’ per i ragazzi ed e’ importante perche’ chi viaggia sulla strada deve assolutamente conoscere le regole di comportamento, come le deve conoscere chi va per mare" ha detto ai ragazzi Lunardi. "Il rischio altrimenti e’ non sapere quali insidie ci si possa aspettare e non rendersi conto del rispetto e dei doveri che si devono alla strada". Da quando e’ entrato in vigore sono stati oltre 800.000 i ragazzi cha hanno frequentato corsi di questo tipo, di questi, 550.000 sono stati promossi e 250.000 bocciati. (ANSA).
 

 



Martedì, 07 Dicembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK