Lunedì 06 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Sassi giù dai cavalcavia, torna l'emergenza

In tutto lo scorso anno ci sono stati 85 episodi, 80 sulla rete ordinaria e 5 sull’autostrada. Ma nel 2017, nei primi 8 mesi, i casi già registrati sono stati 63

I numeri parlano chiaro: torna l'emergenza dei sassi lanciati dai cavalcavia: secondo l'Asaps - che tiene in piedi un "osservatorio" specifico - lo scorso anno ci sono stati 85 episodi, 80 sulla rete ordinaria e 5 in autostrada, nei quali sono rimaste ferite 4 persone. Nel 2017, invece, fino al 31 agosto gli episodi già registrati  sono stati 63, 7 in autostrada, 56 sulle statali 4 feriti.

Forte il contrasto delle forze dell'ordine con 30 minorenni e 10 maggiorenni fermati quest'anno e 48 under 18 e 13 maggiorenni nel 2016. Torna però la moda che terrorizzò gli anni '90 gli automobilisti e che portò a numerare i ponti con cartelli quadrati per individuare subito il punto del reato e mandare sul posto velocemente forze dell'ordine. Sembrava tutto risolto, e invece no, nonostante l'aiuto che oggi arriva dai social.

Le segnalazioni su Facebook, Twitter e Instagram portano infati polizia e carabinieri in pochissimo tempo ad arrestare i delinquenti, come è successo proprio lo scorso mese nel padovano, ma evidentemente non basta.

I social sono d'altra parte pieni di queste segnalazioni e immagini di incidenti: "Transitando sotto il cavalcavia tra Pontevigodarzere e Altichiero, sono stato colpito da un sasso lanciato da una coppia di ragazzini 12 anni circa, uno capelli scuri, uno di colore. Ho frenato e la signora che mi seguiva distratta dalla scena mi ha tamponato. 2 auto sfasciate, una persona portata in ospedale”, scrive su Facebook un malcapitato automobilista. PadovaOggi ha riporato con cura la cronaca di quegli eventi e il giornale è andato avanti per tre mesi a raccontare episodi del genere prima che i ragazzini venissero bloccati. Ora il caso, con l'incidente mortale, riporta tragicamente i lanci dei sassi sulle prime pagine di tutti i media.

 


Venerdì, 10 Novembre 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK