Mercoledì 12 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
NEWS CONTROMANO 28/06/2017

Napoli, contromano in Tangenziale
nuovo processo per il dj Mormile

Nuovo processo per Nello Mormile, il dj trentenne che guidò contromano in Tangenziale causando l'incidente in cui persero la vita la fidanzata Livia Barbato e l'automobilista Aniello Miranda. È il processo dinanzi ai giudici della Corte di Assise d'appello che comincerà a dicembre. Mormile, che è detenuto, spera in una diversa valutazione dell'entità della pena che tenga conto anche delle motivazioni della difesa, della tesi dell'incidente non voluto né cercato, ma causato dallo stato confusionale di lui per gli alcolici bevuti durante la serata. Il caso è quello della manovra killer in Tangenziale. Era la notte del 25 luglio del 2015. Nello e Livia entrano in macchina tenendosi per mano, lei si siede sul sedile posteriore e lui è alla guida. Improvvisamente, nei pressi dello svincolo di Agnano, l'auto compie una inversione a U e comincia un folle viaggio contromano.

Un viaggio di sei chilometri ripreso dalle telecamere della Tangenziale, durante il quale Mormile non fa nulla per interrompere la guida pericolosa. Intorno a lui ci sono clacson che suonano e lampeggianti che gli segnalano il pericolo ma lui va dritto fino a scontrarsi frontalmente con l'auto di Aniello Miranda, un imprenditore 48enne che a quell'ora dell'alba è in viaggio per lavoro. Miranda e Livia muoiono, Mormile se la caverà con qualche ferita. Ai primi soccorritori dirà di aver fatto una «cazzata». In primo grado, con rito abbreviato, è stato condannato a 20 anni di carcere. Per il giudice Rosa Ruggiero quella guida folle fu «cosciente e volontaria» e la possibilità di conseguenze negative in caso di collisione con altre auto «consapevolmente accettata». Ora toccherà ai giudici dell'Appello valutare il caso. C'è già un calendario, il processo si chiuderà in quattro udienze, prima di Natale il verdetto. Mormile è difeso dagli avvocati Gaetano Baccari e Gaetano Porto. La famiglia di Livia, costituitasi parte civile, è rappresentata dall'avvocato Andrea Raguzzino.

di Viviana Lanza
da ilmattino.it

 

>Napoli, contromano in tangenziale: il video choc delle telecamere di sicurezza


>Incidente in Tangenziale, la ricostruzione in 3D dalla Panda

 

>Incidente in Tangenziale, il conducente della Clio in 3D

 


 

LA FOLLE MANOVRA CON 6 KM CONTROMANO COSTO' LA VITA A DUE PERSONE (ASAPS)
Ai primi soccorritori dirà di aver fatto una «cazzata». In primo grado, con rito abbreviato, è stato condannato a 20 anni di carcere. Per il giudice Rosa Ruggiero quella guida folle fu «cosciente e volontaria» e la possibilità di conseguenze negative in caso di collisione con altre auto «consapevolmente accettata». A dicembre

Mercoledì, 28 Giugno 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK