Venerdì 14 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/05/2017

Taroccavano i tachimetri per ridurre i chilometri delle auto

Controlli della polizia stradale, nei guai titolari di saloni

Auto usate e «ringiovanite» di decine di migliaia di km. Con un’apparecchiatura elettronica che consente di intervenire sulle centraline e dimezzare (fino a 60-70 mila km in meno) la percorrenza chilometrica riportata sul tachimetro del cruscotto. 

FRODE IN COMMERCIO 
La polizia stradale di Cuneo ha scoperto questo «trucchetto» grazie ai controlli in tre autosaloni a Caraglio, Pinerolo e Torino: i titolari sono stati denunciati per frode in commercio. Per scoprire il reale chilometraggio delle auto sono state effettuate verifiche a campione, anche sui dati riportati in precedenza dai proprietari. 

MULTE DI 5 MILA EURO
Ora i titolari degli autosalone dovranno pagare multe superiori ai 5 mila euro. Non basta: la polstrada ha già inviato la segnalazione all’Autorità garante della concorrenza, che a sua volta multerà i tre imprenditori con importi «salati»: in passato sono state chieste cifre superiori ai 50 mila euro. 

Durante le indagini la polizia stradale ha anche contestato l’utilizzo illecito di veicoli in esenzione di bollo: è un’agevolazione che prevede, per i veicoli in carico a commercianti di autovetture, la sospensione del pagamento della tassa regionale. In pratica i tre iscrivevano alcune auto come in vendita, quindi in esenzione di bollo, ma quelle auto venivano usate da parenti e amici. 

La polizia li ha scoperti controllando le banche dati regionali. Anche in questo caso la multa è salata: 4 mila euro, compresi i mancati pagamenti degli anni passati. Infine le verifiche hanno consentito di individuare un’officina abusiva: sono state sequestrate per la successiva confisca tutte le attrezzature. 

IL COMANDANTE 
Il comandate della polizia stradale Franco Fabbri: «Tutti gli acquirenti che hanno comprato queste auto, quindi vittime di raggiri, vengono sempre contattati dai nostri uffici, per essere informati e per consentirgli di sporgere querela. Un modo per costituirsi parte civile e procedere all’azione di risarcimento del danno».  

Il solito vizietto. (ASAPS)

Martedì, 30 Maggio 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK