Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , Droga 26/04/2017

Brescia, fermato dalla Polstrada: "Azienda fallita, porto droga per pagare debiti"

Scoperto dalla polizia stradale durante un controllo sull'autostrada

Brescia, 25 aprile 2017 - Poco più di sei ore di viaggio, quasi 640 chilometri di distanza. Tanto divide Brescia con Latina. Un viaggio normale, specie in questi giorni di ponte, magari per andare a trovare parenti lontani. Solo che quell’uomo al volante della sua Opel Corsa non aveva con sé regali per i nipoti o qualche prelibatezza dalla terra bresciana, ma sei etti di cocaina racchiusa nel cellophane sigillato con del nastro adesivo da pacchi. Cinquantamila euro il valore sul mercato. Quella che racconterà a chi lo ha arrestato è una storia diversa dalle altre; una storia che, comunque, dovrà essere verificata appieno. È sabato pomeriggio scorso quando all’uomo, originario dell’Albania e residente nel Bresciano, viene intimato l’alt da una pattuglia della polizia Stradale della sottosezione di Battifolle (Arezzo) nel tratto di competenza dell’autostrada del Sole. «Un controllo “a reticolo” – spiegano dal compartimento – ideato dalla Polstrada in Toscana per intercettare sia gli automobilisti indisciplinati, sia i delinquenti». Viene scortato fin dentro l’area di servizio “Romita Est”: la scoperta dell’involucro è quasi immediata. L’uomo non ha opposto alcuna resistenza all’arresto. Anzi, ha voluto subito parlare: «La mia piccola azienda edile è fallita – ha raccontato agli agenti – E io sono sommerso dai debiti. Così mi sono prestato a questo tipo di trasporto. Sapete quanto mi hanno dato per questo viaggio? Trecento euro». Capire se questa versione sia vera o meno ora è compito degli investigatori che già si sono mossi in cerca e di riscontri alla versione e della filiera di quello stupefacente. Intanto l’uomo è finito in cella e la sua auto posta sotto sequestro.

di LUCA DEGL'INNOCENTI
da ilgiorno.it

 

 

Mercoledì, 26 Aprile 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK