Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Stende il vigile a colpi di karate

Le aveva chiesto i documenti. Turista giapponese protagonista di un’ora di follia in centro

Massa, 25 aprile 2017 - UNA TURISTA giapponese psicolabile aggredisce a colpi di karate i vigili urbani e i carabinieri che le chiedono i documenti e poi si dà alla fuga. Si è alzato così il sipario su un’ora di follia, che ha visto il centro storico pontremolese trasformarsi quasi nel set di un film di Akira Kurosawa con gli inseguitori che hanno battuto palmo a palmo la zona per bloccare la donna che era in evidente stato di alterazione nervosa.
IN CITTÀ DA qualche giorno era stata segnalata per il comportamento strano e per aver trascorso la notte sotto il porticato del palazzo comunale in compagnia dei bassorilievi di Vittorio Emanuele II e di Giuseppe Garibaldi. Ma gli occhi a mandorla della trentenne del Sol Levante sono diventati quelli di una tigre quando, ieri mattina poco dopo le 8, si è sentita chiedere i documenti dal comandante dei vigili Elio Magnani. Dapprima ha borbottato scuse in inglese affermando di averli smarriti, ma subito dopo, forse non sapendo più come cavarsela, ha pensato bene di rifilare al pubblico ufficiale un improvviso cazzotto nello stomaco. Probabilmente l’accertamento di routine ha scatenato un filo di follia nella mente della turista ma il colpo ha lasciato senza fiato il dirigente dalla polizia municipale. Che solamente quando si è ripreso ma potuto allertare i carabinieri e il 118. A quel punto è scattata subito la caccia alla fuggitiva, successivamente individuata all’interno di un parco sul Torrente Verde. Per nascondersi si era accovacciata tra i cespugli.
E’ STATA DURA anche per i carabinieri della Compagnia di Pontremoli bloccare la nipotina di «Karate Kid» che sparava calci a tutto spiano con la tecnica dell’antica arte marziale. Vista la situazione delicata, i militari dell’Arma hanno adottato un atteggiamento soft e la giapponese ne ha approfittato per scrivere un quadro successivo alla propria avventura all’ombra del Campanone, dimostrando di possedere anche notevoli doti di velocità. E dal torrente il ritorno verso le piazze storiche è stato quasi da record. Correva come una velocista. Ma questa volta la sventurata orientale ha deciso di infilarsi nell’androne di un palazzo storico dove però è stata finalmente fermata. L’intervento dei sanitari ha fatto il resto così come il ricovero forzato attraverso il trattamento sanitario obbligatorio firmato nel frattempo dal sindaco Lucia Baracchini. I documenti della donna sono stati successivamente ritrovati dai militari sotto il ponte cinquecentesco del Casotto. Erano chiusi all’interno di un sacchetto di plastica.

di Natalino Benacci
da lanazione.it


Ci mancava solo il turista giapponese a colpi di karate a picchiare poliziotti italiani. (ASAPS)

Mercoledì, 26 Aprile 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK