Mercoledì 24 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 14/04/2017

di Girolamo Simonato*
Sicurezza stradale: conosciamo i nostri pneumatici

La sicurezza della guida passa per i pneumatici, sappiamo che l’unico contatto con la sede stradale avviene tra le ruote e la superficie, spesso non perfettamente manutentata e suscettibile di variazioni climatiche.
La norma prevede due stagionalità, una “estiva” racchiusa nello spazio temporale tra il 15 aprile e il 15 novembre ed una “invernale” dal 15 novembre al 15 aprile.

Come dettato dalla Direttiva - 16/01/2013 - Prot. n. RU/1580 - Circolazione in periodo invernale, avente ad oggetto: “Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve”.
Ai fini della necessaria uniformità si dispone che il periodo interessato dall'obbligo sia ricompreso tra il 15 novembre e il 15 aprile e che il provvedimento sia redatto utilizzando come riferimento il modello in allegato A. Gli enti proprietari o concessionari che avessero già adottato provvedimenti con un intervallo temporale diverso sono invitati a rettificare la data del termine di fine periodo secondo l'indicazione che precede.

Per la vostra sicurezza è importante controllare i pneumatici del vostro veicolo con una cadenza regolare, le case costruttrici consigliano una cadenza mensile.
Il pneumatico ha necessità di essere controllato visivamente, soprattutto che lo stesso non presenti segni di danneggiamento, di un’usura non regolare.

Il vostro gommista certamente saprà consigliarvi la dotazione più consona al vostro veicolo, sia nella fase dell’installazione che le visite successive, il professionista è in grado di controllare il consumo irregolare, spesso dovuto ad una non corretta pressione dei pneumatici, all’eventuale disallineamento, come pure un bilanciamento improprio, potrebbe anche succedere che vi sia un mal funzionamento delle sospensioni, le quale possono influenzare le performance generali dei tuoi pneumatici, di conseguenza queste fattispecie compromettono sicurezza durante la guida.

È bene ricordare che una pressione non corretta è la principale causa di danneggiamento del pneumatico. Una adeguata manutenzione offrirà prestazioni eccellenti, un’usura equilibrata, un beneficio economico e un risparmio di carburate.
Le case costruttrici consigliano che la pressione su pneumatici si eseguita con gomme “fredde”.

Conosciamo e leggiamo il nostro pneumatico
Ogni veicolo ha le proprie caratteristiche costruttive e nella fase di omologazione vengono assegnate delle dimensioni per i penumatici da montare con proprie misure e tipologia specifica costruttiva.
La serie alfanumerica impressa nella “schiena” del penumatico, a titolo esemplificativo: 225/55 R 17 87 W
225: Il primo numero corrisponde alla larghezza nominale del pneumatico nel punto più largo, corda, indicato in millimetri.
55: è la larghezza di sezione. Meno il rapporto è elevato, minore è l'altezza del fianco rispetto alla larghezza di sezione. In pratica indica la distanza dalla base del cerchio a terra espresso in percentuale rispetto all larghezza.
R: Se presente, questa lettera indica che il pneumatico ha una struttura radiale. Quasi tutti gli pneumatici attualmente in circolazione hanno una struttura radiale, queste sono più sicure e meno deformabili.
17: Diametro di calettamento del cerchio, espresso in pollici.
87: Indica il codice, esso non è altro che un codice numerico corrispondente ad una specifica tabella sotto riportata.
W: Categoria di Velocità: questa lettera indica la velocità massima alla quale lo pneumatico può portare il carico indicato. Il valore “W” è contenuto della tabella sotto riportata. Questo non significa che se si supera tale limite il pneumatico scoppi, significa però che non è consigliabile farlo perché aumenta il rischio che le prestazioni decadano e, al limite, ceda con conseguenze prevedibili.

Tabella di corrispondenza:

Indice di carico rispetto a Carico in kg/pneumatico

IC/LI

KG

71

345

72

355

73

365

74

375

75

387

76

400

77

412

78

425

79

437

80

450

81

462

82

475

83

487

84

500

85

515

86

530

87

545

88

560

 

 

Codice velocità

Codice velocità

Velocità (km/h)

L

120

M

130

N

140

P

150

Q

160

R

170

S

180

T

190

U

200

V

240

W

270

Y

300

ZR

Oltre 240

 

 

La manutenzione spesso è un’azione non molto conosciuta, lungo le strade italiane il parco circolante delle auto continua ad essere tra i più vecchi d’Europa e gli automobilisti dimenticano, oppure rinviano gli interventi manutentivi.
Ricordiamo che l’art. 79 del codice della strada “Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione”, prevede che i veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento entro i limiti di legge.


Nel regolamento (D.P.R. 495/92) sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento cui devono corrispondere i veicoli, particolarmente per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.
La sanzione amministrativa prevista è del pagamento di una somma da euro 85 a euro 338.
Il battistrada dovrà infatti avere il disegno a rilievo ben visibile su tutta la sua larghezza e la circonferenza. La profondità degli intagli principali del battistrada dovrà essere di almeno 1,60 mm per auto e rimorchi e di 1,00 mm per le moto mentre per i ciclomotori dovrà essere di 0,50 mm.

L’articolo 175 comma 2 lett. h) veicoli le cui condizioni di uso, equipaggiamento e gommatura possono costituire pericolo per la circolazione, prevede che chiunque violi questa prescrizione è soggetto ad una sanzione amministrativa compresa tra i 41 e i 168 euro e la decurtazione di due punti dalla patente di guida.
Il cambio gomme estive è un argomento che si deve affrontare in questi giorni, molti lo ritengono apparentemente complesso, ma in realtà non lo è affatto.
Prima di tutto, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con la circolare del 17 gennaio 2014 prot. N. 1049, avente ad oggetto “Impiego dei pneumatici invernali” ha precisato che: “Come è noto con l'entrata in vigore della direttiva del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2013 il periodo interessato dall'obbligo degli pneumatici invernali è quello ricompreso tra il 15 novembre e il 15 aprile.
Vengono rappresentate difficoltà da parte di cittadini e associazioni per quanto riguarda l'approssimarsi delle suddette date in quanto tale obbligo provocherebbe il congestionamento presso gli operatori del settore per soddisfare la richiesta del montaggio di pneumatici invernali.
Al fine di evitare difficoltà al settore si ritiene opportuno consentire l'uso, in riferimento alla penultima linea delle conclusioni della circolare 104/95 del 31/5/1995, di pneumatici invernali (contraddistinti dalle marcature aggiuntive M+S, MS, M-S ovvero M&S), nel periodo compreso tra il 15 ottobre e il 15 maggio, anche con indice di velocità Q, fatto salvo quanto stabilito dalla direttiva del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e dal punto 6 della circolare 104/95.
Si precisa infine che l'uso degli pneumatici invernali consentiti e cioè quelli con i parametri riportati sulla carta di circolazione ivi compreso l'indice di velocità non ha restrizioni di carattere temporale e che pertanto essi possono essere usati durante tutti i mesi dell'anno solare”
, l’utilizzo degli pneumatici invernali con un indice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione comporta l’applicazione della sanzione amministrativa prevista dall’art. 78 C.d.S. comma 3 che prevede: "Chiunque circola con un veicolo al quale siano state apportate modifiche alle caratteristiche indicate nel certificato di omologazione o di approvazione e nella carta di circolazione, oppure con il telaio modificato e che non risulti abbia sostenuto, con esito favorevole, le prescritte visita e prova, ovvero circola con un veicolo al quale sia stato sostituito il telaio in tutto o in parte e che non risulti abbia sostenuto con esito favorevole le prescritte visita e prova, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 422 a euro 1.697.”
Il cambio gomme estive non è obbligatorio, infatti, il Codice della Strada non impone il divieto, puoi utilizzare le gomme termiche tutto l’anno.
Il loro utilizzo nella stagione estiva comporta una maggior usura e maggior consumo di carburate.
Tuttavia ci sono dei limiti e sono quelli specificati nella tabella “Codice velocità”.
Il consiglio delle associazioni dei gommisti e costruttori di pneumatici è comunque quello di adottare il set di gomme più adatto per ogni stagione, sia per una questione di performance, che di sicurezza.


 * Consigliere Nazionale ASAPS
 


 

 

 

Un ripasso delle regole con le tabelle di corrispondenza: indice di carico rispetto a carico in kg/pneumatico e il codice velocità. (ASAPS)

Venerdì, 14 Aprile 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK