Martedì 02 Marzo 2021
area riservata
ASAPS.it su

Sull’autostrada A12
Ubriaco, drogato, senza patente e assicurazione uccise un operaio: condannato a 10 anni

Genova - Il 34enne Biagio Cappiello, che il 18 ottobre 2016 investì e uccise con l’auto Umberto Andrea Leone, addetto alla vigilanza di un cantiere sull’autostrada A12 all’altezza di Moneglia, è stato condannato a 10 anni di carcere per omicidio stradale.

Cappiello è risultato ubriaco, drogato, con la patente revocata, con precedenti specifici ed era al voltante di una macchina senza copertura assicurativa.

Il processo si è svolto con la formula del rito abbreviato: dalle indagini della polizia Stradale emerse che l’automobilista, arrivato all’altezza del cantiere, che era “segnalato” con cartelli che imponevano di rallentare e di cambiare carreggiata, abbattè la segnaletica, proseguendo; entrato nell’area del cantiere, andò a sbattere contro un’auto ferma prima di travolgere Leone.

Cappiello, che era apparso disorientato agli uomini della Stradale, era stato accompagnato all’ospedale di Lavagna, dove i medici avevano accertato l’alterazione psicofisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti e alcolici; inoltre, la Polstrada aveva accertato che all’uomo era stata revocata la patente di guida nel giugno del 2015 e che l’auto che guidava era senza assicurazione. Ancora: Cappiello ha precedenti penali per reati di guida in stato di ubriachezza e per l’assunzione di sostanze stupefacenti.

Attualmente il 34enne si trova ai domiciliari.

da ilsecoloxix.it


Ecco le condanne più severe dopo la legge sull’Omicidio stradale. Prima il conducente ubriaco e drogato se la sarebbe cavata con meno di 3 anni. Tanto per rispondere a quelli che dicono che con la legge 41 “non cambierà niente...”. (ASAPS)

Lunedì, 06 Marzo 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK