Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Pirateria , Notizie brevi 24/02/2017

Terremoto, ad Amatrice pirata della strada investe per due volte vigile ricoverato al de Lellis
L'Ugl: "Il Comune intervenga"

RIETI - Risale a ieri sera l'episodio di rabbia e follia, che ha visto un agente di Polizia Locale Sda, in missione di soccorso alle zone terremotate, essere rincorso ed investito per le strade di amatrice, da un uomo cui era stata negata la precedenza. Lo denuncia l'Ugl polizia locale che racconta i particolari del fatto. Il vigile infatti, mentre era impegnato ad agevolare la manovra dei mezzi pesanti nella zona nota come "zona rossa bar", nel favorire la manovra di un grosso mezzo dell esercito, aveva dovuto dare l'alt, invitandolo alla pazienza, al conducente di un camion mercedes adibito al trasporto terra. Quel semplice gesto è bastato infatti all'uomo, di circa di cinquant'anni, per andare su tutte le furie, forzare il blocco investendo l'agente, una prima volta e provare a superare il tratto di strada, nonostante la presenza del mezzo pesante.

All'inevitabile incidente, che ha rischiato di coinvolgere persino gli avventori dell'unico bar della zona, l'uomo sarebbe risalito a bordo del furgone, con la decisione di farla pagare cara al vigile romano, evidentemente giudicato il vero colpevole di ogni disgrazia. Dopo attimi surreali, che hanno visto l'uomo alla guida del camion, investire
deliberatamente una seconda volta l'agente, dopo un inseguimento durato 30 metri, l'uomo, sarebbe riuscito a procurarsi la fuga. Per il poliziotto locale invece, tuttora ricoverato all'ospedale di Rieti, una prognosi di 30 giorni salvo comunicazioni, per fratture e danni ossei, tra i quali, clavicola e vertebre.

Durissima la reazione da parte del Comando del Corpo di Polizia Roma Capitale, il cui Vice Comandante, Antonio Di Maggio, ha immediatamente inviato una squadra, con il preciso compito di assicurare il responsabile alla giustizia. Dalle prime indiscrezioni sui fatti, si tratterebbe di persona conosciuta, e si sarebbe persino cercato di
intercedere, per cercare di mettere a tacere la cosà. Lo riferisce in una nota Ugl polizia locale.

«Vile e terribile il gesto di follia, perpetrato nei confronti di un nostro collega ad Amatrice - afferma il coordinatore romano Marco Milani - A rendere il gesto ancora più ignobile, il fatto che, si sia cercato di togliere per futili motivi la vita, ad un volontario, che, senza interesse alcuno, e per puro spirito di servizio e senso civico, aveva deciso come moltissime altre persone in tutta Italia, di prestate opera di soccorso nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto. Ci auspichiamo che presto venga arrestato il responsabile di tali accadimenti e che non corrispondano al vero, le indiscrezioni che parlano di tentativi di favoritismi, da parte di imprecisati funzionari Comunali del posto. Il collega ferito, anche a causa della mancanza di una legge di riforma della Polizia Locale, che equipari i diritti dei lavoratori a quelli delle altre forze, non avrà diritto alla causa di servizio od all'equo indennizzo. Ci auguriamo che almeno, abbia diritto ad avere giustizia».

da ilmessaggero.it


Pazzesco. Risale a ieri sera l'episodio di rabbia e follia, che ha visto un agente di Polizia Locale Sda, in missione di soccorso alle zone terremotate, essere rincorso ed investito per le strade di Amatrice, da un uomo cui era stata negata la precedenza. (ASAPS)

Venerdì, 24 Febbraio 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK