Venerdì 19 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Pirateria , Notizie brevi 01/12/2016

Pedone falciato dopo carambola, preso il "pirata della strada": era ubriaco e drogato

Gli occupanti dell'auto che ha innescato la carambola, una "Alfa Romeo Gt", sono scappati per i campi
Foto Argnani

L'intensa caccia ai responsabili del gravissimo incidente stradale avvenuto mercoledì mattina, intorno alle 7,30 lungo la Statale 16 Adriatica, in corrispondenza del chilometro 141+400 e nel quale è rimasto gravemente ferito un pedone, ha dato i propri frutti. I Carabinieri hanno trovato nascosto il conducente dell'auto, una "Alfa Romeo Gt", che ha innescato la carambola. Si tratta di un tunisino di 25 anni, gia note alle forze dell'ordine per numerosi precedenti, in particolare in materia di stupefacenti. Ora è in carcere a disposizione della magistratura.

L'INCIDENTE - L'incidente si è verificato all'altezza di via Della Stazione. L'Alfa stava percorrendo la Statale con direzione di marcia Alfonsine-Ravenna, quando, nel rientrare da una manovra di sorpasso, si è scontrata con due auto, tra cui una "Peugeot 206", con a bordo due donne. A seguito dell'impatto la "Peugeot" si è intraversata sulla carreggiata, mentre l'Alfa in testa coda ha travolto un 40enne nigeriano che si trovava a margine della pista ciclabile, in procinto di attraversare la strada sulle strisce. Il pedone, dopo esser stato preso in cura dai sanitari del 118, è stato trasportato col codice di massima gravità all'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena con l'elimedica. I medici si sono riservati la prognosi. Ferite con codice di media gravità le due occupanti della "Peugeot".

>FOTO - Pirata catturato a Mezzano, la conferenza stampa (foto Argnani)

>FOTO - Carambola a Mezzano con fuga, 30-11-2016 (foto Argnani)

FUGA E RICERCHE - I due occupanti dell'Alfa sono fuggiti a piedi per i campi. Nella fuga l'extracomunitario ha perso i pantaloni nel tentativo di scavalcare un cancello. Ma l'intensa attività degli uomini dell'Arma (Nucleo Operativo, Radiomobile e locale stazione), svolta con la collaborazione della Polizia Municipale, ha permesso in breve tempo di individuare l'extracomunitario nei pressi di via Bassa. Il pirata si è infilato in un garage, rubando dei vestiti per cambiarsi e cercare di disorientare gli inseguitori, ma inutilmente.

L'ARRESTO - Infatti accerchiato dai militari, nonostante i tentativi di fuggire sferrando pugni e calci, è stato immobilizzato e arrestato. E' emerso che si trovava sotto l'effetto di alcol (0,61 grammi per litro) e stupefacenti (positivo alla cocaina). Al termine delle formalità di rito è stato condotto in carcere. Dovrà rispondere delle accuse di "incidente con lesioni gravi", "omissione di soccorso", "violenza e resistenza a pubblico ufficiale" e"tentato furto". La perquisizione domiciliare ha permesso di recuperare un macete con lama da circa trenta centimetri e 600 euro arrotolati in una stagnola. Individuata anche la passeggera, una ravennate, indagata a piede libero per "omissione di soccorso". La Statale è rimasta a lungo bloccata al traffico in entrambi i sensi di marcia, con deviazioni in via Zuccherificio.

da ravennatoday.it



Questa volta il pirata è rimasto in mutande... (ASAPS)
I due occupanti dell'Alfa sono fuggiti a piedi per i campi. Nella fuga l'extracomunitario ha perso i pantaloni nel tentativo di scavalcare un cancello. Ma l'intensa attività degli uomini dell'Arma (Nucleo Operativo, Radiomobile e locale stazione), svolta con la collaborazione della Polizia Municipale, ha permesso in breve tempo di individuare l'extracomunitario nei pressi di via Bassa. Il pirata si è infilato in un garage, rubando dei vestiti per cambiarsi e cercare di disorientare gli inseguitori, ma inutilmente.

Giovedì, 01 Dicembre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK