Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Posta 21/11/2016

IL SENTITO  GRAZIE ALLA STRADALE DI OVADA (AL)  DEL CONDUCENTE DEL PULLMAN RIMASTO IN PANNE IN PIENA NOTTE SULL’AUTOSTRADA CON 77 PERSONE A BORDO.
PROBLEMA RISOLTO CELERMENTE E IN SICUREZZA

Foto Coraggio - archivio Asaps

Alla cortese attenzione dell’ ispettore capo Giuseppe Graziano

Inizio questa lettera, facendomi riconoscere come l‘autista del pullman, il quale la notte fra il 9/10/2016 e il 10/10/2016, domenica notte, rimaneva in panne presso lo svincolo di Novi Ligure al  KM  8500 EST (BRET 1/26-7  NOVI LIGURE ), ritornando ai fatti, dopo 4/5 minuti che ero in corsia di emergenza con indicatori di posizione accesi e quattro frecce. Dietro si accoda prontamente una vostra volante, ad essere precisi la (NUM A 126-7 V407 con a bordo il V.SOV Ricci Marco e l’ AC Badano Alberto) che tempestivamente accendono ulteriori segnalazioni e si avvicinano domandando e accertandosi che tutto fosse in ordine. Capito che, il guasto del bus era risolvibile, decidono….   (Ecco qui ora sta la differenza fra una persona e un uomo dal mio punto di vista) di aiutarmi, i suoi agenti, con la macchina mi scortano alla stazione di servizio più vicina per fare carburante in un contenitore, lasciando l’autostrada. (Nota: il veicolo era rimasto senza carburante a causa di un guasto all’indicatore del pieno nel serbatoio).  Ma il bus era  in mani sicure vigilato e presegnalato  dalla seconda volante (NUM V 164 con a bordo l’ AC Bruschi e lì AC Palomone ), anch’essa sopraggiunta sullo svincolo.
Ritorniamo al veicolo e dopo vari tentativi il bus con 77 persone a bordo riesce a ripartire. Con la gioia di tutti veniamo scortati all’area di servizio di Marengo sud, dove rabbocchiamo definitivamente e il gruppo con il sottoscritto non sa più come ringraziare i suoi uomini!!!!!!!
Ecco ispettore, questo e quello che e successo una notte su di un’ autostrada, dove davanti a un problema i suoi Uomini e  la Divisa che indossano si sono fatti saper distinguere nel lavoro che  svolgono, troppo spesso, purtroppo visto oramai più come esattori, che come Uomini al servizio dei Cittadini, nel momento del bisogno.
 
Concludo porgendo i più vivi e sinceri ringraziamenti a questi Uomini. Ringrazio anche lei e il Corpo per come li ha addestrati e di aver dedicatomi qualche minuto del suo tempo prezioso avendo letto questa lettera.

GRAZIE
 
Un Cittadino
Cassis Virginio

 

>La lettera inviata dal titolare dell’impresa al Questore di Alessandria
Clicca qui


La lettera del conducente e del titolare della ditta, alcuni passaggi:
"...fatto maturare la convinzione che, in caso di necessità, le nostre forze dell'ordine sono sempre presenti e vigili" e ancora:
"troppo spesso, purtroppo visto oramai più come esattori, che come Uomini al servizio dei Cittadini, nel momento del bisogno." (ASAPS)

Lunedì, 21 Novembre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK