Sabato 14 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 16/12/2005

LA TRATTA DEGLI EXTRACOMUNITARI: ARRESTATE DALLA POLIZIA 90 PERSONE. FACEVANO VIAGGIARE GLI IMMIGRATI NEI TIR, COME ANIMALI. OPERAZIONE ESEMPLARE

LA TRATTA DEGLI EXTRACOMUNITARI: ARRESTATE DALLA POLIZIA 90 PERSONE. FACEVANO VIAGGIARE GLI IMMIGRATI NEI TIR, COME ANIMALI. OPERAZIONE ESEMPLARE
di Lorenzo Borselli

(ASAPS) ROMA – Una volta, i neri d’Africa dovevano attraversare l’oceano nelle stive puzzolenti di vecchi galeoni. Oggi, gli immigrati in fuga dal terzo mondo, vengono fatti salire su imbarcazioni che a malapena reggono il mare, e quando toccano la costa dell’agognato eden, scoprono di trovarsi ancora una volta all’inferno. Stipati nei tir, come animali. Molti di loro non ce la fanno e soccombono proprio sulla terra che tanto hanno desiderato raggiungere. Ma un durissimo colpo è stato inferto ai trafficanti umani dalla Polizia, appena pochi giorni dopo una brillante operazione dei Carabinieri. La rotta intercettata dagli investigatori è quella che aveva l’Italia non come meta definitiva ma come una sorta di smistamento per gli altri paesi europei, in larga parte Francia e Inghilterra. I carnefici, con un codice che speravano tenesse alla larga orecchie indiscrete, parlavano di “vitelli” o “pecore”, riferendosi ovviamente alla mercanzia che passava loro tra le mani. Esattamente come bestie, li facevano arrivare in vario modo in Italia, ma da qui venivano nuovamente caricati su tir e container senza nemmeno una scorta minima di acqua, e qui erano costretti a restare chiusi per lunghe tratte. Per questo biglietto verso una nuova vita- che per alcuni è divenuta la propria fine – erano pronti a pagare gli scafisti d’asfalto fino a 15mila euro. Cifre astronomiche, per loro. Per molto tempo l’hanno fatta franca, contando sull’omertà dei clienti e su un organigramma quasi militare, che garantiva anonimato tra un livello e l’altro. Poi, però, un imprevisto: nel 2002 quattro iracheni vennero trovati dalla Polizia di Frontiera a bordo di un container. In due erano sopravvissuti ad un viaggio allucinante, arsi vivi dalla canicola, disidratati, affamati, mentre per i loro compagni non c’era ormai più niente da fare. Erano morti da ore. Nacque così l’operazione “Tazir”, che in arabo vuol dire “esodo”, che ha visto la Polizia costituire – in seno alla Direzione Centrale Anticrimine (DAC) diretta dal prefetto Nicola Cavaliere – un pool di investigatori coordinato dal Servizio Centrale Operativo (SCO). Tre anni di intercettazioni, di intelligence internazionale, con la collaborazione della polizia francese e di quella inglese, conclusesi con l’emissione di 90 custodie cautelari nei confronti di altrettante persone ritenute componenti di un’associazione di tipo mafioso, molte delle quali residenti in stati esteri. Tutti facevano capo ad un direttorio che aveva stabilito il proprio quartier generale a Roma, nel centralissimo largo Brancaccio, nella sede di un call-center che funzionava da copertura. La ricostruzione meticolosa di quella scellerata spedizione consentì un primo attacco, culminante con l’arresto di 20 persone nell’ambito dell’operazione “Water Melon”, ma le tecniche degli investigatori si erano nel frattempo affinate: nomi ricorrenti, codici cifrati e numeri di telefono ascoltati,avevano svelato uno scenario inaspettato con una vera e propria cupola che si incaricava di coordinare e pianificare un’attività incredibile, anche sul piano dei numeri prodotti e sulla perfezione della propria struttura. La holding viene più volte decapitata dei suoi uomini di punta, con decine di altre operazioni di polizia satellite, ma alla fine sul tavolo del Pubblico Ministero il mosaico ricostruito dai poliziotti è divenuto completo. Tutti i vertici dell’organizzazione sono di etnia curdo-irachena e anche la gerarchia interna è stata smascherata, seguendo le gesta di uno dei capi che all’inizio delle indagini era un soldato semplice: si tratta di Alì Ako, noto  come “Arsalan”, che nel 2002 era un semplice “scafista d’asfalto”, che alla guida del proprio camion trasportava “vitelli” e “pecore” in tutta Europa. Fa carriera, Arsalan, e scala rapidamente le posizioni dell’organizzazione, fino a quando non arriva al direttorio, stabilitosi nel frattempo nel suo call-center di Largo Brancaccio. Qui viene messo sotto stretta osservazione dalla Mobile, e i risultati non si fanno attendere: il suo visto per motivi umanitari è solo un alibi. È lui a decidere chi passa la frontiera, quando e quanto costa il biglietto, pagato fino a 15mila euro che riscuote tranquillamente attraverso le strutture legali dei money transfer. Qualcuno ottiene anche credito, ma alla prima scadenza mancata gli uomini di questo crudele Rais erano pronti ad andare a trovare – in Irak – le famiglie degli immigrati.  E qui gli investigatori sottopongono al Procuratore della Repubblica un quesito: vi è una struttura gerarchica, vi è padronanza del territorio, vi sono intimidazioni e omertà. Come dire, mafia. L’Autorità Giudiziaria è d’accordo fino al Gip che ha emesso ordinanze di custodia cautelare assai simili a quelle ormai comuni per mafia, camorra, ‘ndrangheta e sacra corona unita, ma per la prima volta ad un’organizzazione transnazionale, ottenendo il consenso anche della Procura Nazionale Antimafia. Resta ora da scoprire dove sia finito tutto il denaro raccolto negli anni, che pare sia parecchio. In casa di uno degli aderenti arrestato in Inghilterra, gli agenti britannici hanno trovato 400mila euro in contanti, facendo rabbrividire all’ipotesi avanzata da qualcuno che si trattasse di una ricca fonte di guadagno anche per Bin Laden & company. A tutti, comunque, i nostri complimenti. (ASAPS).


di Lorenzo Borselli

Venerdì, 16 Dicembre 2005
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK