Mercoledì 12 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Salvataggi , Notizie brevi ,... 20/08/2016

Muore annegato, una poliziotta salva i suoi figli: il racconto di quei drammatici momenti
Ferragosto drammatico sulla Costa Fenicia dove una poliziotta fuori servizio è intervenuta per salvare alcune persone in difficoltà a causa delle forti correnti

Lucia Scarpello, Sovrintendente Capo della questura di Palermo

RAGUSA - Si può essere felici e tristi nello stesso momento? Questo ha provato e prova ancora Lucia Scarpello, Sovrintendente Capo della questura di Palermo. Lucia, racconta su Facebook "Agente Lisa", profilo social della polizia, ha salvato un bimbo di 12 anni ma il suo grosso rammarico è quello di non essere riuscita a salvare anche il papà del piccolo.

LA CRONACA - È pomeriggio e lei, libera dal servizio, passeggia lungo il litorale a Punta Zafaglione in provincia di Ragusa. Non fa il bagno perché il mare è parecchio mosso. Ad un certo punto sente le grida di aiuto di un bambino che si sbraccia indicando il fratello in difficoltà in acqua, lei non è una provetta nuotatrice ed ha anche una brutta esperienza da piccola in mare, ma non ci pensa due volte si tuffa lo stesso e riesce a portare a riva il bambino già semicosciente e lo rianima.

ALTRE DUE PERSONE IN MARE - Appena il piccolo si riprende però si accorge che altre due persone sono in difficoltà in acqua e così chiede aiuto e organizza una catena umana per salvarli. Tra questi un giovane di 25 anni di Vittoria che prova senza successo a portare a riva l’uomo ma desiste perché quasi annega anche lui. Nel frattempo in acqua il padre del bimbo ha perso i sensi e quando riescono a portarlo a riva Lucia prova a rianimarlo per lunghissimi minuti. L’uomo di 49 anni purtroppo non si riprenderà.

    Non sono un eroe - dice Lucia - avrei solo desiderato ridare il padre a un figlio.


fonte: today.it


Lucia Scarpello, Sovrintendente Capo della questura di Palermo racconta su Facebook "Agente Lisa", profilo social della polizia i, ha salvato un bimbo di 12 anni ma il suo grosso rammarico è quello di non essere riuscita a salvare anche il papà del piccolo." (ASAPS)

 

 

 

Sabato, 20 Agosto 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK