Martedì 11 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Posta 20/07/2016

OMICIDIO STRADALE: NOTA DI UN PRESIDENTE DI PROVINCIA SULLE DIFFICOLTÀ A MANUTENERE LE STRADE
LA LETTERA E’ INVIATA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, AL MINISTRO DELL’INTERNO E AL PREFETTO DI VERONA E AD ALTRE ISTITUZIONI

Foto di repertorio dalla rete

(ASAPS) DI fronte ad una simile lettera, in cui un politico scrive ad altri politici e per conoscenza a tecnici e alla Procura, ci restano molti dubbi.
Bisognava attendere una nuova legge, molto severa anche verso gli enti proprietari strade, come ben specificato nella circolare del Ministero dell'Interno dello scorso 25 marzo, per arrivare a dichiarare che non ci sono le risorse finanziarie ed umane per programmare una manutenzione decente delle strade provinciali? Gli utenti se ne erano accorti da molto tempo che le strade non erano correttamente manutenute . Buche, segnaletica stradale scarsa o assente o danneggiata da mesi e mai ripristinata, scarsa illuminazione, il mancato sfalcio dei bordi stradali, sono solo alcune delle dirette conseguenze dei tagli. La decisione di chiudere molte funzioni delle Province, riducendo al minimo ogni contributo finanziario anzi togliendo proprio le risorse utili a garantire strade con segnaletica stradale idonea e un manto stradale sufficiente a garantire la sicurezza degli utenti che circolano su quelle strade, hanno come conseguenza un vero e proprio tracollo delle strutture stradali.
Ma la lettera che potete leggere in allegato, è stata indirizzata anche alla Procura della Repubblica, perché dal 25 marzo scorso gli enti proprietari strade (composti da politici e tecnici) rischiano molto di più, vista anche la più recente giurisprudenza. Basterà una lettera ad evitare una denuncia penale o peggio una condanna? Lo vedremo a breve, con i primi processi con le nuove norme. Preoccupante rimane la situazione però dei comuni, legati al Patto di stabilità che non può essere superato in tema di spese, con le province che intendono scaricare i costi di manutenzione stradale vista la riforma a metà delle Province. Qualcuno però vuole finalmente capire che si parla di salvare vite umane quando si parla di strade dove la manutenzione stradale è carente o, peggio, assente? (ASAPS)
 

>Leggi la lettera

 


La severa e puntuale denuncia del presidente della Provincia di Verona ormai impossibilitato a garantire parametri minimi di sicurezza sulle strade. Un problema sempre più evidente e risultati si vedono (e si vedranno).  Preoccupazione degli amministratori  anche per le responsabilità derivanti dalla legge sull’Omicidio stradale. (ASAPS)

Mercoledì, 20 Luglio 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK