Lunedì 24 Gennaio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 08/07/2016

E ORA TENETEVI FORTE PER VEDERE QUESTO VIDEO SUL RISCHIO DEI MOTOCICLISTI
LO HA REALIZZATO UNA ASSOCIAZIONE DEGLI USA, MOLTO DURO E MOLTO LONTANO DALLE NOSTRE CAMPAGNE

Un fotogramma del video

(ASAPS) Sta per iniziare un altro week end estivo. Nello scorso fine settimana abbiamo contato numerosissimi incidenti anche plurimortali. Sono stati 25 i morti nei soli rilievi di incidenti della Polizia Stradale e dei Carabinieri, se aggiungessimo anche quelli rilevati dalle Polizie Locali arriveremmo a numeri di 30-35 morti.  Nel 56% degli incidenti mortali le vittime erano dei motociclisti.
Lo sappiamo che la colpa non è sempre la loro. Ma questo non può certo consolare. Facciamo un appello ad una particolare prudenza per questo fine settimana e pubblichiamo un video molto duro (lo sconsigliamo alle persone piuttosto impressionabili) predisposto da una associazione degli Stati Uniti che si chiama Ciclelaw, che fornisce anche cifre e numeri imbarazzanti.
Avverte i motociclisti che nel corso dell’anno 1 motociclista su 91 riporterà sicuramente ferite e 1 su 1.831 morirà.
Un video di un impatto molto pesante e molto lontano dalle campagne delle associazioni italiane. Lo pubblichiamo come estremo appello sul rischio stradale.
Prudenza amici motociclisti, prudenza, la vita e bella ed è una sola. (ASAPS)

>GUARDA IL VIDEO (SCONSIGLIATO PER LE PERSONE PIUTTOSTO IMPRESSIONABILI)


UN VIDEO DURO PER RIFLETTERE E  INCIDERE SULL’ASSURDA CARNEFICINA DI MOTOCICLISTI SULLE STRADE
Continua la mattanza di motociclisti ogni giorno sulle strade, in particolare nei fine settimana. Un problema non solo italiano. Oggi mostriamo un video realizzato da una associazione statunitense che va giù duro sull’argomento, con immagini e numeri. Abbiamo deciso di pubblicarlo anche se drammatico (come altri sull’uso del cellulare alla guida) per lanciare  un  forte e gridato appello alla prudenza. Nello scorso fine settimana hanno perso la vita sulle strade una quindicina di motociclisti. Non si può e non si deve andare avanti così. (ASAPS)

Venerdì, 08 Luglio 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK