Martedì 11 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

CENNI SULLA NUOVA DEFINIZIONE DI
«OPERAZIONE DI TRASPORTO INTERMODALE»

di Maurizio PIRAINO*
Foto di repertorio dalla rete

Con la Direttiva (UE) 2015/719 del 29 aprile 2015 - alla quale gli Stati membri dovranno conformarsi entro il 7 maggio 2017 (art. 2,paragrafo 1) - è stata da ultimo modificata la Direttiva 96/53/CE del 25 luglio 1996 (a cui è stata data attuazione con il Decreto del Ministro dei Trasporti e della Navigazione 6 aprile 1998), «che stabilisce, per taluni veicoli stradali che circolano nella Comunità, le dimensioni massime autorizzate nel traffico nazionale ed internazionale e i pesi massimi autorizzati nel traffico internazionale».

In particolare, ai sensi dell’art. 1, comma 1, punto 2), lettera a), della direttiva (UE) 2015/719, all’art. 2/1° comma della direttiva 96/53/CE è stata aggiunta la definizione di «operazione di trasporto intermodale», intendendosi per tale:
a) le operazioni di trasporto combinato di cui all’articolo 1 della direttiva 92/106/CE del Consiglio che comportano il trasporto di uno o più container o casse mobili, fino a una lunghezza totale massima di 45 piedi, ob) le operazioni di trasporto che comportano il trasporto di uno o più container o casse mobili, fino a una lunghezza totale massima di 45 piedi, per vie navigabili interne, purché il tragitto stradale iniziale o finale non superi 150 km nel territorio dell’Unione. La summenzionata distanza di 150 km può essere superata per raggiungere il più vicino terminale di trasporto idoneo per il servizio previsto, nel caso di:

i) veicoli conformi all’allegato 1, punto 2.2.2, lettera a) o b) [ovvero: veicolo a motore a 2 assi con semirimorchio a 3 assi o veicolo a motore a 3 assi con semirimorchio a 2 o 3 assi con limite di peso di 40 tonnellate - n.d.r.], oppure
ii) veicoli conformi all’allegato 1, punto 2.2.2, lettera c) o d) [ovvero: veicolo a motore a 2 assi con semirimorchio a 3 assi destinato a operazioni di trasporto intermodale di uno o più container o casse mobili, fino a una lunghezza totale massima di 45 piedi, con limite di peso di 42 tonnellate o veicolo a motore a 3 assi con semirimorchio a 2 o 3 assi destinato a operazioni di trasporto intermodale di uno o più container o casse mobili, fino a una lunghezza totale massima di 45 piedi, con limite di peso di 44 tonnellate - n.d.r.], nel caso in cui tali distanze siano consentite nello Stato membro interessato.

Per le operazioni di trasporto intermodale, il più vicino terminale di trasporto idoneo di erogazione del servizio può essere situato in un altro Stato membro diverso da quello in cui sono avvenute le operazioni di carico o scarico». Come indicato nel «considerando n. 9)» della citata direttiva (UE) 2015/719, l’introduzione di questa nuova definizione tiene conto del fatto che: «Nella containerizzazione sono sempre più utilizzati i container da 45 piedi di lunghezza. Tali container sono trasportati mediante tutti i modi di trasporto. Tuttavia, attualmente le tratte stradali delle operazioni di trasporto intermodale possono essere effettuate solo se gli Stati membri e i vettori seguono gravose procedure amministrative o qualora tali container siano dotati di angoli smussati brevettati dai costi proibitivi. Aumentando di 15 cm la lunghezza autorizzata dei veicoli che trasportano tali container [cfr. il nuovo art. 10-quater della direttiva 96/53/CE inserito dall’art. 1, comma 1, punto 8), della direttiva (UE) 2015/719 - n.d.r.], sarebbe possibile eliminare tali procedure amministrative per i vettori e facilitare le operazioni di trasporto intermodale, senza rischi né pregiudizio per l’infrastruttura stradale o per gli altri utenti della strada. La definizione di operazione di trasporto intermodale nella presente direttiva [(UE) 2015/719 - n.d.r.] non pregiudica i lavori di revisione della direttiva 92/106/CEE del Consiglio» (relativa alla fissazione di norme comuni per taluni trasporti combinati di merci tra Stati membri).

*Ispettore Capo della Polizia Stradale


 

Un altro contributo professionale questa volta sul trasporto intermodale. (ASAPS)

Lunedì, 07 Dicembre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK