Martedì 02 Marzo 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/10/2015

RAVENNA: Smerciavano auto rubate, chiuso demolitore abusivo

La Polizia di Stato ha individuato a Ravenna, in via Vicoli,  la presenza di un centro di autodemolizione abusiva. L’impresa, intestata ad un cittadino arabo, è risultata regolarmente iscritta presso la locale CCIAA come dedita al commercio di pezzi di ricambio usati, ma in realtà dedita alla demolizione di veicoli ancora circolanti.

Il personale del Distaccamento Polizia Stradale di Faenza  ha rinvenuto nell’area di pertinenza dell’impresa numerosi veicoli fuori uso e parti di questi quali  cabine di autocarro, assali, pneumatici e cerchi in ferro, blocchi motore, ma anche autovetture sezionate e materiali pericolosi per l’ambiente quali oli esausti e batterie contenenti acidi. L’impresa si era anche dotata di una piccola officina meccanica strumentale al sezionamento e alla demolizione dei veicoli.

Nel corso del controllo, gli operatori hanno  accertato  la presenza di veicoli ricercati in Italia e all’estero. Sono così stati sequestrati un’autovettura Golf  immatricolata in Germania ed una macchina operatrice Bobcat oggetto di appropriazione indebita. Il gestore dell’attività, un cittadino egiziano, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per violazione delle norme inerenti la gestione dei rifiuti e per ricettazione di veicoli. Tutta l’area ove giacciono i veicoli fuori uso è stata posta sotto sequestro.  La Squadra di P.G. della Sezione Polizia Stradale di Ravenna sta dando corso ad ulteriori indagini finalizzate all’individuazione degli altri soggetti che hanno fornito i mezzi ed il materiale rubato.

di Ludovico Luongo
da teleromagna24.it


Nel corso del controllo, gli operatori hanno  accertato  la presenza di veicoli ricercati in Italia e all’estero. Sono così stati sequestrati un’autovettura Golf  immatricolata in Germania ed una macchina operatrice Bobcat oggetto di appropriazione indebita. (ASAPS)

Venerdì, 30 Ottobre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK