Martedì 02 Marzo 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 27/10/2015

Traffico di auto fuoriserie con noleggi e falsi documenti presa banda nel Tarantino

TARANTO - All'alba di ieri, agenti della sezione di pg della sezione di Polizia stradale di Taranto, hanno arrestato tre persone in esecuzione di altrettante ordinanze di custodica cautelare in carcere emesse dal gp del tribunale di Taranto nei confronti dei presunti componenti di un'associazione per delinquere finalizzata alla truffa, al falso ideologico e materiale e all’autoriciclaggio di autovetture di alta gamma commerciale destinate al mercato tedesco e nazionale.

La tecnica del clan consisteva nel noleggiare auto di lusso da società italiane per poi trasferirne la proprietà in modo fraudolento, attraverso false denuncie e altri artifizi per i quali, anche con la complicità di un dipendente del A.C.I di Taranto, otteneva la documentazione che consentiva il riciclaggio delle autovetture all’estero. Le vetture erano in prevalenza veicoli di altissimo valore commerciale quali Ferrari, Porsche, Maserati Rang Rover , per una valore stimabile in 2milioni di Euro. Altre quattro persone sono state denunciate a piede libero.

Tutto è iniziato durante un normale servizio di vigilanza, quando una pattuglia della Stradale ha intercettato un carro attrezzi che trasportava un Ferrari California diretto verso il nord. Fermato il mezzo si procedeva ai controlli ed emergeva che la Ferrari era di proprietà di una ditta di noleggio auto campana ignaro del trasferimento dell’auto peraltro soggetta al vincolo delle “ruote a terra “.

Dopo una serie di accertamenti si risaliva ad altri quattro veicoli a noleggio di proprietà delle società “ Arval Service Lease Italia spa” e “ Lease Plan Renting spa”. L’indagine portava ad accertare la presenza nel capoluogo jonico di una associazione a delinquere, al cui vertice era S. E. S., che in concorso con A.T.  e S. L., Funzionario delegato dell’agenzia ACI di Taranto, si appropriava in maniera fraudolenta di autovetture di lusso, affittate con contratti a lungo termine  (che non venivano onorati dopo le prime rate)  da società  noleggio, per poi trasferirne la proprietà a persone diverse ( tramite l’utilizzo di falsi documenti di identità riconducibili agli ignari funzionari delle medesime società di noleggio e/o false denunce di smarrimento e false deleghe) .

Da qui emergeva il coinvolgimento di un impiegato dell’Agenzia ACI di Taranto, L. S., il quale assicurava il buon esito della pratica attraverso la falsificazione della documentazione.

T. A. risulta anch’egli soggetto pluripregiudicato, con precedenti per reati fiscali, patrimoniali e soprattutto con sentenze di condanna per associazione a delinquere, truffa ed estorsione. Lo stesso risulta titolare di una ditta  che gestisce il commercio all’ingrosso di autovetture.

L’attività ha consentito di accertare il riciclaggio di 7 veicoli,  di sequestrare una Ferrari California e un Porsche 911 Carrera in procinto di essere trasferiti in Germania; ove venivano sequestrati una Ford C Max, oggetto di rogatoria internazionale ed una Peugeot 2008 già restituita alla società di noleggio. Sono in esecuzione ulteriori sequestri di altre autovetture sul territorio nazionale ed è pendente una richiesta di sequestro presso una Procura del nord Italia di ulteriori 11 vetture tra cui una Maserati, una Porsche Panamera, una Volvo V60 e una Ran Rover Evoque.


da lagazzettadelmezzogiorno.it

 

>VIDEO


 

Un’altra bella operazione antiriciclaggio di auto oggetto di truffe seriali, della Polizia Stradale di Taranto. (ASAPS)

Martedì, 27 Ottobre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK