Lunedì 06 Dicembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 07/10/2015

Conversione della pena in lavoro di pubblica utilità? Si può
da Altalex

(Cass. Pen., sez. IV, 4 agosto 2015, n. 34090)

Il principio di diritto enunciato dalla Cassazione penale, nella sentenza n. 34090/2015, si compendia nella massima: “in tema di guida sotto l'influenza dell'alcool (art. 186 C.d.S., comma 2, lett. b)), ai fini della sostituzione della pena detentiva o pecuniaria irrogata per il predetto reato con quella del lavoro di pubblica utilità non è richiesto dalla legge che l'imputato debba indicare l'istituzione presso cui intende svolgere l'attività lavorativa e le modalità di esecuzione della misura, essendo sufficiente che egli non esprima la sua opposizione”.

Nell’art. 186 del Codice della Strada si fa dunque strada una logica lato sensu partecipativa dell’imputato alle scelte sanzionatorie, à la page ormai da anni. In dettaglio, al comma 9-bis si contempla la possibilità, per il giudice, di sostituire la pena con quella del lavoro di pubblica utilità, se non vi è opposizione da parte dell’imputato. Non si fa differenza tra pena pecuniaria e detentiva, sicché lo strumento appare particolarmente coerente con l’ottica della benevolenza che sorregge l’impianto sanzionatorio previsto dal D.Lgs. 274/2000, sedes materiae di questa tipologia di pena. Ma chi fa cosa?

Nessun dubbio sulla titolarità del potere di operare la conversione: è il giudice; ma il giudice non è solo; egli può ritenere che vada disposta la sostituzione con la pena del lavoro di pubblica utilità, ma non per questo può provvedere secondo la propria discrezionalità, a meno che l’ostacolo previsto dalla legge per l’esercizio del suo potere non venga rimosso dall’imputato: il giudice deve accertare che non vi sia dissenso dell’imputato, acquisire la sua non opposizione.

La sentenza di appello è pertanto ritenuta viziata da un’interpretazione additiva, nella parte in cui aveva ritenuto necessario che l’imputato si esprimesse sul dove e sul come della misura. Di più, in mancanza di questi dettagli la Corte territoriale aveva escluso che si potesse procede alla conversione. Orbene, l’adesione della Cassazione alla contraria tesi dell’appellante è nel provvedimento annotato, laddove richiama che “la lettera della legge (..) non pretende che l’imputato manifesti il consenso alla sostituzione” (da intendersi come non necessario coinvolgimento nella scelta [dei dettagli] della conversione).

L’imputato viene coinvolto nella scelta sulla conversione della pena; si tratta di un coinvolgimento incompleto, che potremmo definire generico. Egli deve, semplicemente, non opporsi. Lo dice la legge; in claris non fit interpretatio; nondimeno, la Cassazione precisa che non sussiste alcun obbligo per l’imputato di indicare il dove e il come della misura. Pleonasmo o no - il Giudice si sofferma spesso su dettagli che il legislatore non ha disciplinato espressamente - qui la Cassazione individua una declinazione operativa dell’enunciato normativo e fornisce ausilio al giudice nell’applicare la legge.

In questi termini non accade nulla di straordinario: è il legislatore a scegliere di (e come) contemperare il momento di discrezionalità del giudice con un momento di partecipazione dell’imputato; è il legislatore a stabilire il “chi fa cosa” (anche se qui, come altrove, il legislatore si priva di determinate prerogative).

La complementarità di diversi soggetti nella scelta sanzionatoria è peraltro il pendant di opzioni legislative ben collaudate: il contesto dell’art. 186 CdS non è affatto estraneo ad un’integrazione tra legislatore e giudice; le cose non cambiano in questo caso, dove a “tirare la coperta” c’è anche l’imputato. Si vada a ritroso sugli elementi costitutivi del reato di guida sotto l’uso di sostanze alcooliche e si pensi, per un attimo, a come gli stessi si vanno cristallizzando nella prassi giurisprudenziale (con maggiore o minore fedeltà al dettato normativo). La contestazione dei commi 1 e 2 lett. B) è una contestazione che, come le altre, pone in relazione lo stato di ebbrezza (conseguente all’uso di bevande alcoliche) al tasso alcolemico accertato nel soggetto. Definire in modo ultimativo il tipo di relazione tra questi due elementi della fattispecie è problema di legittimità; si possono ipotizzare, e di fatto si ipotizzano, sia un unico accertamento (stato di ebbrezza stimato dal giudice oppure stato di ebbrezza riveniente dall’accertamento dei tassi alcolemici previsti per legge) sia un duplice accertamento (stato di ebbrezza stimato dal giudice e stato di ebbrezza riveniente dall’accertamento dei tassi alcolemici previsti per legge). Le ricadute di questa querelle sono di massimo rilievo, inerendo alla minore o maggiore selettività (ed ampiezza applicativa) del paradigma normativo.

Così, nel caso di specie, si assiste ad un arretramento della norma astratta rispetto alla sintonia concreta tra giudice ed imputato. Non accade nulla di straordinario: già a livello astratto si possono manifestare opzioni di segno opposto anche sul versante sanzionatorio. Da un lato un imputato più partecipe delle scelte del giudice, a sua volta compresso  nelle sue prerogative in ragione dell’integrazione con opzioni del reo, dall’altro un imputato semplicemente disposto a condividere una scelta di chi lo giudica.

L’opzione del Collegio è senz’altro pro reo, richiedendosi una minor collaborazione dell’imputato, con ricadute in termini di maggior benevolenza (atteso che minor selezione sulle scelte di benevolenza significa, indefettibilmente, maggior benevolenza). Di qui una possibile sintesi: emerge l’ossimoro di un imputato partecipe, ma in misura inversamente proporzionale ai possibili benefici che lo attendono; vera la negativa, paradigmi selettivi nell’amministrare indulgenza significano selezione (e restrizione) dello strumento indulgenziale…. Indubbiamente contra reum.

(Nota di Gianluca Denora)

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE IV PENALE

Sentenza 5 giugno 4 agosto 2015, n. 34090


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ZECCA Gaetanino - Presidente -

Dott. BIANCHI Luisa - Consigliere -

Dott. MARINELLI Felicetta - rel. Consigliere -

Dott. GRASSO Giuseppe - Consigliere -

Dott. DOVERE Salvatore - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:
 
sentenza

 

sul ricorso proposto da:

M.S. N. IL (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 5375/2014 CORTE APPELLO di MILANO, del 13/11/2014;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 05/06/2015 la relazione fatta dal Consigliere Dott. FELICETTA MARINELLI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Gabriele Mazzotta, che ha concluso per l'annullamento con rinvio.

Svolgimento del processo

Con sentenza in data 22 maggio 2014 il Tribunale di Milano dichiarava M.S. colpevole del reato di cui al D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, art. 186, commi 1 e 2, lett. b), e comma 2 sexies, e, concesse le attenuanti generiche, lo condannava alla pena di mesi quattro di arresto ed Euro 600 di ammenda, disponendo la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna nel certificato penale e la sospensione della patente di guida per la durata di mesi sei.

Avverso la predetta sentenza la difesa dell'imputato proponeva appello.

La Corte di appello di Milano, con sentenza in data 22.05.2014, in parziale riforma di quella emessa nel giudizio di primo grado, rideterminava la pena in giorni sei di arresto ed Euro 800,00 di ammenda, sostituiva la pena detentiva con la corrispondente pena pecuniaria in ragione di Euro 1.500,00 di ammenda, così determinando la pena complessiva in Euro 2.300,00 di ammenda, confermava nel resto.

Avverso tale sentenza il M., a mezzo del suo difensore, proponeva ricorso per Cassazione e concludeva chiedendone l'annullamento con ogni conseguente statuizione.

Il ricorrente censurava l'impugnata sentenza per il seguente motivo:

1) art. 606 c.p.p., lett. b) - erronea applicazione della legge penale con riferimento all'art. 186 C.d.S., comma 9 bis. Secondo la difesa la Corte territoriale aveva errato nel non ritenere accoglibile il motivo di appello relativo alla mancata conversione della pena con il lavoro di pubblica utilità poichè l'imputato non aveva mai indicato un ente presso il quale svolgere lavori di pubblica utilità. Osservava la difesa che la norma in questione prevede la possibilità che la pena detentiva sia sostituita con il lavoro di pubblica utilità se non vi è opposizione da parte dell'imputato. La lettera della legge non prevede altro che questo e in particolare non pretende che l'imputato manifesti il consenso alla sostituzione. Nella fattispecie che ci occupa la difesa aveva chiesto il lavoro di pubblica utilità e comunque aveva dichiarato di non opporsi. Non comprendeva quindi le ragioni per cui l'imputato avrebbe dovuto essere gravato dall'obbligo di indicare l'ente presso cui intendeva svolgere l'attività.
 

Motivi della decisione

Il ricorso è fondato.

Secondo condivisibile giurisprudenza di questa Corte (cfr, Cass., sez.4, sent. n.16234 del 18.01.2013, Rv.255424; Cass., sez.4, sent.

n. 19162 del 3.04.2013, Rv.252684) in tema di guida sotto l'influenza dell'alcool (art. 186 C.d.S., comma 2, lett. b)), ai fini della sostituzione della pena detentiva o pecuniaria irrogata per il predetto reato con quella del lavoro di pubblica utilità non è richiesto dalla legge che l'imputato debba indicare l'istituzione presso cui intende svolgere l'attività lavorativa e le modalità di esecuzione della misura, essendo sufficiente che egli non esprima la sua opposizione.

Tanto premesso si osserva che nella fattispecie che ci occupa la difesa aveva chiesto il lavoro di pubblica utilità e comunque aveva dichiarato di non opporsi.

La sentenza impugnata deve essere pertanto annullata limitatamente al diniego di conversione della pena in lavoro di pubblica utilità con rinvio alla Corte di appello di Milano per nuovo esame sul punto, fermo il resto.
 

P.Q.M.


Annulla con rinvio limitatamente al diniego di conversione della pena in lavori) di pubblica utilità, e rinvia alla Corte di appello di Milano per nuovo esame sul punto.

Fermo il resto.


Così deciso in Roma, il 5 giugno 2015.

Depositato in Cancelleria il 4 agosto 2015.

 

da Altalex

Mercoledì, 07 Ottobre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK