Giovedì 17 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Parigi, via libera al semaforo per i ciclisti. Anzi: luce verde, sempre se si svolta a destra  (regole anche per gli incroci a T)
Rivoluzione in Francia in chiave antinquinamento e per promuovere l'uso delle due ruote a pedali nella città più inquinata d'Europa.
Il tutto in sicurezza

(ASAPS) PARIGI, 24 luglio 2015 – Parigi è una delle città più inquinate d'Europa, nonostante le moltissime iniziative messe in atto negli ultimi anni e ora il sindaco della capitale transalpina, Anne Hidalgo, tenta la carta dei ciclisti, che avranno via libera anche al semaforo rosso. È infatti stato giudicato positivamente l'esperimento posto in essere da alcuni mesi in alcuni incroci semaforici scelti a campione all'interno del reticolo urbano della Ville Lumière e ora, entro settembre, ben 1.805 crocevia – tutti quelli che lo consentiranno – saranno dotati dell'apposita segnaletica che consentirà alle bici di passare anche con la luce rossa: in quelli a croce si potrà solo andare a destra – altrimenti si dovrà comunque attendere il verde – mentre in quelli a “T” si potrà sia svoltare a destra che andare dritto.

L'obiettivo è ovviamente quello duplice di fluidificare la circolazione e di agevolare l'uso del velocipede, evitando ovviamente la creazione di situazioni conflittuali tra bici ed altri veicoli ed arrivando nel contempo a garantire la massima sicurezza delle due-ruote: per questo, il codice stradale ha già subìto alcune piccole modifiche, che consentono alle bici – in presenza della speciale segnaletica – di svoltare a destra anche quando gli altri veicoli della stessa direttrice di marcia saranno obbligati a restare fermi, fermo restando l'obbligo di dare la precedenza a chi provenga da altre direzioni ed abbia luce verde e, più in generale, ai pedoni. Ovviamente, non a tutti gli incroci i ciclisti potranno beneficiare di tanta libertà: per chi sgarra la sanzione sarà severa.

“Questa novità – ha spiegato a Le Monde l'assessore ai trasporti di Parigi Christophe Najdovski – è stata sperimentata con assoluto successo nel decimo arrondissement della città e non ha evidenziato alcuna implicazione infortunistica. Si è dimostrato cioè che consentire alle bici di avere via libera a destra o a dritto in alcune tipologie di incrocio, è assolutamente sicuro e, anzi, evita quelle situazioni conflittuali tra veicolo e bicicletta note come “impatti da angolo morto”.

Continua così il lavoro di Anne Hidalgo in materia di circolazione stradale (inquinamento e sicurezza), che prevede fortissime limitazioni: il suo piano prevede di mettere fuori legge entro il 2016 tutti i veicoli a 4 ruote immatricolati prima del 1997 e quelli a due ruote messi in strada prima del giugno 2000. In ponte c'è anche il blocco dei bus, con la creazione di parcheggi scambiatori, e la messa al bando di almeno il 10% del traffico pesante attualmente circolante in città e immediate banlieux. (ASAPS)

 



I francesi sono sempre innovativi e originali. Il nostro articolo spiega come funzionerà questa rivoluzione. Ma da loro chi sgarra... (ASAPS)

Venerdì, 24 Luglio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK