Lunedì 15 Agosto 2022
area riservata
ASAPS.it su

REPORT AGGRESSIONI FRA AUTOMOBILISTI PRIMO SEMESTRE 2015
SIAMO SEMPRE PIU’ IRASCIBILI E VIOLENTI: 87 EPISODI CON TRE MORTI E 111 FERITI
IN TUTTO IL 2014 174 EPISODI CON 6 MORTI E 208 FERITI PER ASSURDE LITI SU STRADA

 

Nei primi sei mesi del 2015 l’Osservatorio il Centauro ASAPS ha già registrato 87 episodi di aggressioni fra automobilisti per motivi di viabilità, 10 sono avvenuti di notte e 77 di giorno.
Nelle liti  del primo semestre si sono contate 3 vittime mortali e 111 feriti di cui 18 molto gravi. In 18 episodi sono state utilizzate armi proprie, in 13 armi improprie.
In 9 casi l’aggressore era straniero in 5 uno degli aggressori era ubriaco.
In tutto il 2014 le aggressioni sono state 174, di queste  23 sono avvenute di notte e 151 di giorno.
Nelle liti si sono contate 6 vittime mortali e 208 feriti di cui 53 molto gravi. In 33 episodi sono state utilizzate armi proprie, in 43 armi improprie. In 25 casi l’aggressore era straniero (14,4%) in 13 uno degli egli aggressori era ubriaco (7,5%). Insomma la strada è sempre più teatro di violenze fisiche anche gravi a volte fatali.

Nella graduatoria delle regioni dove abbiamo registrato gli episodi di aggressione fisica violenta troviamo  al primo posto a pari “merito”  Lombardia e Lazio con 23 aggressioni, seguono la Campania con 19 e l’Emilia Romagna con 17, il Veneto con 13, la Puglia e la Toscana con 11, la Liguria con 10, la Sicilia con 9. Solo una invece in Valle D’Aosta, Basilicata e Calabria.

I motivi? I soliti un sorpasso pericoloso, una partenza da gara a un semaforo, un passaggio col rosso e più banalmente la disputa per un parcheggio
Chi sono gli aggressori? Praticamente tutti uomini e di tutte le età, anziani compresi. La strada offre ancora uno spettacolo desolante di aggressività. Consigli? Mai lanciare o accettare la sfida. Mai!! Non sappiamo, non possiamo sapere chi è l’altro conducente, se si tratta di una persona particolarmente aggressiva, sotto l’effetto di alcol o stupefacenti, o assuntore di farmaci che incidono sulla psiche, se è armata. Una trasgressione stradale non merita duelli che finiscono spesso in modo drammatico. Dove si perde sempre in due. Vale la pena rovinarsi la vita e quella dei propri cari per una banale lite stradale?

Forlì, lì 14 luglio 2015

Giordano Biserni
Presidente ASAPS
 


Un modo semplice e pratico per rovinarsi la vita. E il caldo non aiuta. Ecco uno spaccato delle nostre bravate su strada, di cui regolarmente ci si pente, ma a volte è troppo tardi! (ASAPS)

Martedì, 14 Luglio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK