Lunedì 30 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

INCIDENTI DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO
IN FORTE CRESCITA LE VITTIME NEL PRIMO SEMESTRE 2015

Argentina, famiglia italiana distrutta in un tremendo incidente stradale nel marzo scorso

Sono le vittime che non entreranno mai nelle statistiche Istat italiane degli incidenti stradali per il motivo che Si tratta degli italiani morti all’estero a causa di sinistri, dati raccolti da quattro anni dall’Osservatorio il Centauro – ASAPS.
Un report che nel primo semestre 2015 ha fatto segnare un considerevole aumento. Infatti nei primi sei mesi dell’anno in 20 incidenti fatali (+122%)  sono stati 25 gli italiani (+78%) che hanno perso la vita in sinistri stradali oltre confine. Ricordiamo che nel primo semestre del 2014 gli incidenti mortali erano stati 9 con 14 vittime.

Anche se si deve tenere conto che in un solo incidente avvenuto il 27 marzo scorso avevano perso la vita i 5 componenti di una famiglia di S.Arcangelo di Romagna: papà, mamma e tre bambini. La famiglia si era trasferita in argentina per tentare di cambiare completamente la vita, purtroppo un sogno che si è infranto vicino a Buenos Aires in uno schianto contro un camion.
Altro duplice incidente mortale dove due italiani hanno perso la vita è quello avvenuto in Pennsylvania USA il 4 giugno scorso, quando in uno scontro di un pullman contro un camion morirono due nostro connazionali un pensionato di Desenzano e un ragazzo in viaggio di nozze di Vicenza.

Ma vediamo alcuni dettagli di questa sinistrosità che ha coinvolto i nostro connazionali. Dei 20 incidenti  del primo semestre 2015, 4 erano viaggi di vacanza e 16 viaggi di lavoro.
In 10 sinistri è stata coinvolta un’auto, in uno un pullman,  in 4 una moto, in 3 una bicicletta e in 2 un pedone.
I 20 incidenti sono distribuiti in tutti i continenti: 5 in Europa, 3 in Nord America, 5 in America Latina, 3 in Africa, 3 in Oceania, 1 in Asia.
Nell’intero 2014 gli incidenti registrati dall’Osservatorio il Centauro – ASAPS in totale furono 25 con 33 vittime italiane.

L’ASAPS lancia un appello alla prudenza per i nostri connazionali all’estero e ha prodotto un proprio utile testo  con le tutte le regole vigenti almeno dei paesi europei e in altri fra i più importanti stati:
Pronti, partenza, via... 
L’insieme di regole stradali per un viaggio guidato nei paesi dell’Europa, dello spazio Schengen e non solo

Tante informazioni su alcol, velocità, telefonino, casco, cinture, camper,  vignette, emergenze, ambasciate e altro ancora
Scaricabile sul portale ed è disponibile la App per i soci 2015
 
Forlì, lì 7 luglio 2015
 
Giordano Biserni
Presidente ASAPS

>Pronti, partenza, via... 
L’insieme di regole stradali per un viaggio guidato nei paesi dell’Europa, dello spazio Schengen e non solo
Tante informazioni su alcol, velocità, telefonino, casco, cinture, camper,  vignette, emergenze, ambasciate e altro ancora

Scaricabile sul portale ed è disponibile la App per i soci 2015

 

REPORT INCIDENTI MORTALI ITALIANI ALL’ESTERO PRIMO SEMESTRE 2015

TOTALE

20

MORTI

25

FERITI

7

VIAGGIO DI VACANZA

4

VIAGGIO DI LAVORO

16

AUTOCARRO / PULLMAN

1

VEICOLI MILITARI

0

AUTO

10

CICLO-MOTO

4

BICI

3

PEDONE

2

EUROPA

5

NORD AMERICA

3

ASIA

1

AMERICA LATINA

5

AFRICA

3

OCEANIA

3

Elaborazione il Centauro – Asaps ©

 

 

REPORT INCIDENTI MORTALI ITALIANI ALL’ESTERO PRIMO SEMESTRE 2014

TOTALE

20

MORTI

25

FERITI

7

VIAGGIO DI VACANZA

4

VIAGGIO DI LAVORO

16

AUTOCARRO / PULLMAN

1

VEICOLI MILITARI

0

AUTO

10

CICLO-MOTO

4

BICI

3

PEDONE

2

EUROPA

5

NORD AMERICA

3

ASIA

1

AMERICA LATINA

5

AFRICA

3

OCEANIA

3

Elaborazione il Centauro – Asaps ©

 

INCIDENTI ITALIANI ALL'ESTERO ANNO 2014

TOTALE

25

MORTI

33

FERITI

5

VIAGGIO DI VACANZA

12

VIAGGIO DI LAVORO

13

AUTOCARRO / PULLMAN

2

VEICOLI MILITARI

0

AUTO

13

CICLO-MOTO

6

BICI

1

PEDONE

3

EUROPA

12

NORD AMERICA

0

ASIA

2

AMERICA LATINA

4

AFRICA

5

OCEANIA

2

Elaborazione il Centauro – Asaps ©

 



Un altro report preoccupante (ASAPS)

Martedì, 07 Luglio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK